(foto FIBA Basketball)
(foto FIBA Basketball)

Dopo la delusione del Preolimpico - anche se senza Fontecchio, Procida e Spagnolo e contro squadre oggettivamente più forti non è che ci fosse molto da fare - in casa FIP ci si interroga sul futuro della Nazionale. Saranno giorni di riflessione, e il presidente Petrucci per ora non parla di sostituire Gianmarco Pozzecco: "Da questo risultato dobbiamo analizzare e ripartire. Non auto assolverci. La mia fiducia in Pozzecco resta immutata. Con la parte tecnica, Datome, Trainotti, c'è un programma che sarà portato in consiglio federale. Valutando anche l'ottimo risultato del Mondiale under 17. Ci deve essere sempre fiducia nel futuro. Nella vita c'è sempre un "secondo tempo", le sue parole al Corriere della Sera. Molto più tranchant il suo rivale per la presidenza FIP, l'avvocato Guido Valori: "Quando si perde bisogna cambiare".
Se ne parlerà al Consiglio Federale del 17 luglio. Si dovesse scegliere di cambiare, la prima opzione è quella di Sasha Djordjevic
 

Oggi "Euromario" su Radio Basket Italia
L'ascesa del basket in Vietnam: dal campo al campionato