Ospiti da remoto del vodcast di DAZN condotto da Matteo Gandini e Pierluigi Pardo, Ettore Messina e Luca Banchi sono stati intervistati parlando a tutto tondo delle rispettive squadre.

Banchi

Il primo a intervenire è stato coach Banchi, che ha parlato del ritorno di Achille Polonara la scorsa domenica: “Il momento più emozionante è stato martedì quando è rientrato per la prima volta in allenamento con i compagni. Per la prima volta avevamo preso consapevolezza del fatto che Achille fosse effettivamente tornato in gruppo e condividere l’allenamento ha emozioni diverse, perché sei nell’intimo, nel chiuso della tua palestra e tutto si riduce al tuo gruppo. Successivamente c’è stata l’apoteosi della gara domenica, oltre al ritorno a Bologna di Kyle Weems che ha creato una bella atmosfera a palazzo. Tutti abbiamo goduto dell’entusiasmo di Achille e della rinnovata fiducia verso la vita, lo sport e quello che più ama”.

Per la Segafredo sta per iniziare una lunga settimana con in programma le tre sfide contro Barcellona, Maccabi e Milano: “Come fanno i ciclisti si incassa la testa nel manubrio e si inizia a pedalare fortissimo (ride, ndr). La fatica non la senti quando ci sono partite di questo tipo ma siamo consapevoli che in questo trittico affrontiamo alcune delle migliori squadre d’Europa. Il campo sarà giudice, noi intanto ci godiamo il momento, cerchiamo di reclutare le migliori energie possibili, combinando il nostro desiderio a una lucidità che diventa indispensabile in questi frangenti quando giochi contro squadre di questo tipo. Andare a Milano richiama la memoria di recenti episodi dei playoff 2023, la possibilità di tornare in un campo in cui Bologna non è stata capace di raggiungere una vittoria che avrebbe potuto portare allo Scudetto. Siamo due squadre destinate ad incrociarsi ancora e in genere si giocherà per i trofei. Noi siamo concentrati sul nostro lavoro, di prepararci e senza eccedere in facili entusiasmi o cadere in depressione con questo fitto programma di partite".

Banchi ha chiuso parlando di cosa voglia dire per lui affrontare un grande coach come Ettore Messina: “Io come buona parte degli allenatori della mia generazione si ispirano a lui. Ettore è un punto di riferimento, una fonte d’ispirazione e questo è un modus operandi che riguarda tutti noi, scegliendo dei modelli da cui attingere. Messina e anche Scariolo lo sono per intere generazioni di allenatori e io ho avuto la fortuna di vederlo lavorare e ancora di più sfidare”.

ettore messina
Ettore Messina

 

Messina

Parola in seguito al coach dell’EA7 Emporio Armani Milano, che ha analizzato le modalità in cui l’Olimpia può svoltare dopo un inizio di stagione con alcune difficoltà: “Di particolare non possiamo fare molto, arriviamo sempre corti ai finali di partita, un bell’accorgimento sarebbe recuperare Baron e Mirotic… però questo purtroppo non si può fare e dobbiamo cercare di fare meglio per 40’ le cose che ora facciamo bene solo a sprazzi”.

Ettore Messina ha poi parlato dell’importanza della sfida contro la Virtus Segafredo Bologna di domenica: “Sarà una partita di grandissimo fascino per tutti, la finale Scudetto per tre anni di fila e sono due club che quest’anno stanno facendo da ottimo traino dell’intero movimento e per un livello del campionato che si è alzato ogni stagione. Entrambe le squadre avranno motivazioni e adrenalina per sopperire alla stanchezza che deriva da un doppio turno di Eurolega”.

Infine, Messina ha elogiato il suo avversario sulla panchina opposta, Luca Banchi: “Ho grande rispetto per lui, ha avuto per me parole e gesti di grande attenzione che ho apprezzato molto”.

Di seguito la puntata intera, con anche l'intervento del volto LBA Alessandra Tropiano. => 

Oggi "Euromario", il martedì alle 18 su Radio Basket Italia
Nicola Bastone è un nuovo giocatore dei New Flying Balls Ozzano