Pino Sacripanti, dopo i problemi di salute che l'hanno costretto a dimettersi dalla panchina di Scafati, ha spiegato a La Provincia di Como di stare bene, ora.

Ho avuto problemi di calcoli renali che hanno comportato qualche complicazione. Ho cercato di conviverci il più a lungo possibile, tenendo duro per alcune settimane durante le quali ho continuato ad allenare, ma a un certo punto sono stato costretto ad alzare bandiera bianca. Troppo forte il dolore, l’intervento chirurgico si rendeva indispensabile.

Non potevo fare diversamente

Mio malgrado, non potevo fare diversamente. Con grande onestà ho dovuto prendere atto dei problemi di salute contingenti senza pretendere alcunché sotto l’aspetto economico. 

La vera impresa a Scafati e con Scafati l’avevamo fatto la stagione scorsa con l’insperata salvezza conquistata all’ultimo minuto dell’ultima giornata di campionato. Quest’anno stavamo andando abbastanza bene, ma anche senza di me vedo la Givova se la sta cavando egregiamente. E me ne rallegro. 

Pronto a rimettermi in pista

Come sto? Direi molto bene. Ho risolto definitivamente le problematiche che mi attanagliavano, non ho avuto alcuna complicazione e mi sento come nuovo. Lo faccio presente anche pensando ai tanti tifosi che si sono preoccupati leggendo le notizie riguardo i miei problemi. Li rassicuro e, soprattutto, li ringrazio. Pronto a rimettermi in pista? Credo di sì. 

Oggi "Euromario", il martedì alle 18 su Radio Basket Italia
Virtus Segafredo Bologna - Bayern Monaco, la cronaca