VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA

Cordinier voto 8 – Decide la partita, semplicemente, con tre azioni consecutive. Forza il fallo in attacco a Tucker, si procura (e segna) i liberi della vittoria, difende ancora su Tucker in maniera eccellente. 

Belinelli voto 7 – Secondo quarto stellare, con 14 punti. Anche 4 assist, di cui uno dietro davvero pregevole dietro la schiena. Nel secondo tempo la difesa di Venezia gli dedica un trattamento speciale, spesso raddoppiandolo o triplicandolo, con lo scopo evidente di togliergli le uscite. Questo libera i compagni, che non sempre ne approfittano.

Pajola voto 6 – Impatto offensivo iniziale e 5 assist.

Dobric voto 5.5 – Otto minuti non particolarmente significativi.

Mascolo voto 5 – Problemi di falli e -5 di valutazione, stasera non incide.

Shengelia voto 4.5 – Manca totalmente, limitato dai falli. Stasera non entra mai partita, e per i compagni è un problema.

Hackett voto 7 – Ancora una volta non pare al 100%, ma di nuovo sale in cattedra nei momenti decisivi. Recupero, canestro e un libero negli ultimi minuti.

Mickey voto 6.5 –  Ottimo inizio, poi alti e bassi: nel finale una persa che poteva costare caro, ma si fa perdonare poco dopo con l’assist ad Hackett.

Polonara voto 7 – Molto solido, 11+6 con tripla in un momento importante. Grinta ed energia non mancano mai

Zizic voto 5.5 – Non incide particolarmente.

Dunston voto 6.5 – Impatto eccellente, e in generale buon apporto di energia.

Abass voto 6 – Buona difesa su Tucker, nel finale si trova contro Parks e fa decisamente più fatica, per evidenti motivi di taglia.

Sala stampa, a cura di Marco Bogoni

Le parole di Luca Banchi –  “Un’altra partita molto dura, combattuta. Anche questa volta l’abbiamo comandata molto bene e poi ce la siamo fatta sfuggire facendoli rientrare. Bravi i nostri avversari che non hanno mai mollato. Abbiamo pagato la situazione falli, in particolare nel settore dei piccoli, che non ci ha permesso di mettere la giusta pressione sul perimetro e ha esposto a falli anche Shengelia che non ha potuto disputare l’ultimo quarto. Alla fine, nonostante le difficoltà, l’abbiamo vinta e questo dimostra la nostra unità e ora ci prepariamo ad andare a Venezia. Loro sono molto forti, hanno concluso al primo posto in classifica il girone di andata. L’assenza di Kabengele li porta ad avere spesso quintetti molto perimetrali. Hanno tre o quattro giocatori creatori di gioco. Io penso che noi abbiamo le capacità per risolvere queste partite. ancora meglio di come l’abbiamo fatto finora, a prescindere dalla scelta dei loro quintetti. Dobbiamo essere più costanti, dobbiamo migliorare su questo e non abbassare il ritmo una volta che tocchiamo il +20. Su Lundberg non ho novità, non ha ancora fatto un allenamento, anche perchè in questi giorni abbiamo poco tempo per allenarci, giochiamo partite.

Coach Neven Spahija ha scelto di non parlare.

 

Oggi "Virtussini siamo noi" su Radio Basket Italia
La Sella Cento sconfitta a Latina in overtime