In una lunga intervsita al sito relevo.com Misko Raznatovic, uno dei più influenti agenti europei, ha parlato del futuro del basket europeo.

Sono innamorato del basket europeo. È il campo in cui mi muovo, adoro l’Eurolega, ma credo che il basket europeo non abbia un futuro brillante. La NBA diventerà sempre più grande anche dal punto di vista economico, il numero di Two-Way contract sta aumentando e l’Europa può contare su un numero sempre inferiore di giocatori di qualità proveniente dagli Stati Uniti. Se l’NBA dovesse espandersi aggiungendo altre due squadre, ci sarebbero altri 40 giocatori in meno per l’Europa. Se verrà consentito un terzo Two-Way contract, allora saranno ben 70 di meno. Inoltre, le squadre europee non danno opportunità ai giovani e i campionati stanno invecchiando. Non saprei davvero dire chi saranno i nuovi volti dell’Euroleague tra tre o quattro anni. Sono preoccupato per il basket in Europa. Non c’è dubbio che la competizione sia entusiasmante, ma all’Eurolega mancano stelle di prima grandezze come quelle che aveva una volta: Spanoulis, Diamantidis, Navarro… Vorrei tanto sbagliarmi, ma su queste cose non mi è mai successo…

Oggi "Virtussini siamo noi" su Radio Basket Italia
Semifinale Virtus - Venezia, la serie tra gara 2 e gara 3