Saliou Niang, che la Fortitudo ha prestato a Trento, è stato intervistato dalla Provincia di Lecco.
Un estratto delle sue parole.

Ho avuto questa opportunità e l'ho colta­: per il momento vado un anno in prestito, ma Trento ha il diritto di riscatto. Il mio obiettivo è quello di rinascere, dopo due anni difficili, trovando un ambiente in cui possa lavorare bene. Due stagioni fa ho avuto problemi alla caviglia, lo scorso campionato una frattura da stress a un piede. Adesso mi sento bene e sono pronto per giocare.

Coach da ringraziare? Il primo è senz'altro Marco Bugana, quello che mi ha lanciato, poi ricordo Federico Politi e anche Giorgio Devetag, che è stato mio preparatore atletico per tre stagioni. Il suo aiuto mi è arrivato in campo e soprattutto fuori, soprattutto quando ero infortunato. Non voglio dimenticare Roberto Breveglieri, il responsabile del settore giovanile bolognese.

(Foto Giulia Serafini)

“Salotto Bianconero”: la nuova puntata su Facebook e Youtube
SG FORTITUDO, LE DATE DEI RITIRI