Roberto Brunamonti è stato sentito dalla Gazzetta dello Sport. Un estratto dell'intervista.

"Per il percorso fatto dalle due squadre, mi sembra difficile individuare una favorita. È una finale fotocopia rispetto a quella dello scorso anno. Sia Virtus sia Olimpia in questa stagione hanno avuto molto infortuni, alti e bassi che hanno segnato il loro cammino. Ma sono le due squadre che hanno meritato di arrivare a giocarsi il titolo. Sono le predestinate di questi anni. 

Gli uomini chiave? Mi auguro gli italiani delle due parti che hanno avuto un ruolo importante durante tutta la stagione. Su tutti i capitani, Marco Belinelli e Nicolò Melli, che sono in grado di distinguersi avendo caratteristiche e impatti diversi in campo.

Il fattore campo? Come lo scorso anno avrà un peso. Con la serie tornata al meglio di 5 partite, i risultati saranno ancora più incerti e l'eventuale decisiva a Bologna potrebbe essere una chiave, com'era stata l'anno scorso la gara-7 giocata al Forum"

Oggi "Virtussini siamo noi" su Radio Basket Italia
Estate 2024. I 18 Azzurri per il raduno di Trento (9/13 giugno)