foto Mauro Donati
foto Mauro Donati

Il noblesse oblige della Fortitudo è poi questo. Vincere una trasferta - benchè in casa dell'ultima in classifica - senza dominare in lungo in largo, restare da sola in testa alla classifica, e invece di avere un festeggiamento a tutto tondo portare al classico dibattito su cosa fare di una squadra dove di fatto giocano in cinque, e dove se uno dei titolari - in questo caso, ieri, Aradori - non ha un rendimento oltre la sufficienza tutto il castello vibra un po'. Prova che, a parte le ovvie dichiarazioni di un po' tutti, l'asticella si è alzata o, meglio, si sono alzate le aspettative della piazza. Semplificando il discorso, chi domina a Trieste non può faticare a Chiusi, anche se i paragoni sono sempre una sciocchezza e ogni gara è un libro diverso da quello della domenica precedente. Ma è un retropensiero che, anche se nessuno vuole ammettere, in un qualche meandro delle zucche degli osservatori e tifosi rimane.

Ieri, a Chiusi, l'eroe della partita è stato Ogden, seguito da Freeman e da Fantinelli. Quest'ultimo, pur senza eclatanti cifre, ha fatto capire in un modo molto semplice quale sia il suo ruolo: con lui in campo si era tranquillo, altrimenti è stato tutto molto più precario. Ma giocare in cinque porta a queste piccole problematiche: i falli che crescono senza nessuno che possa davvero dare il cambio, e l'ossigeno che alla fine viene a mancare (Ogden e Bolpin 39'). Però si vince, si continua a vincere, nessuno si chiede se con questa formula si andrà fino in fondo, e per ora nessuno arriva. Questo mentre Della Rosa domina l'ultima vittoria di Pistoia e non verrà mai, ammesso che sia mai stata una trattativa e non solo una illusione o, ancora meglio, un identikit di cosa potrebbe servire. Poco da riposare, comunque: giovedì si rigioca.

 

Freeman - Foto Mauro Donati

 

Just like heaven 

Ogden, appunto, al limite dell'immarcabilità. 30+10, forse alla fine ha pure guidato il pullman verso casa. O Freeman a dargli il cambio. O Fantinelli, come ripetuto. E un plauso ai cronisti locali di LNP Pass: in un ambito dove spesso purtroppo ci si deve affidare a pittoreschi personaggi poco preparati, i due di Chiusi sono stati i migliori sentiti negli ultimi anni. Applausi.

Disintegration 

Il solito. Sergio epurato, Morgillo che non può far crescere le proprie quotazioni esordendo con persa e antisportivo, e Panni che non riesce a far ordine generale. Meno peggio Conti, che per non sbagliare nulla non ha preso iniziative, ma almeno in campo c'è stato senza far calare l'intensità generale.

Questa sera "Vitamina Effe" su Nettuno Bologna Uno
Derby indigesto per i New Flying Ozzano: Ravenna vince 91-74