PALA ARTI GRAFICHE REGGIANI, OZZANO DELL’EMILIA – Serviva una grande risposta, da parte dei New Flying Balls, al termine del tour de force settimanale: e così è stato, grazie al 95-70 con cui Ozzano ha superato l’Andrea Costa Imola. Prestazione superlativa di capitan Cortese, autore di 20 punti, così come quella di Bastone, unico locale a portare a casa una doppia-doppia. Ozzano va ad agganciare i Lions Bisceglie in classifica, sempre in penultima posizione, a tre gare dal termine della regular season.

Coach Conti opta per uno starting five composto da Bechi in tacca bassa, con Abega, Cortese, Bastone e Filippini.

Partita viva fin dalle prime battute, tra due squadre che non risparmiano: l’Andrea Costa, dopo la vittoria contro la CJ Basket Taranto, è riuscita a centrare la salvezza, ma non per questo tiene i remi in barca. La tripla di Drocker firma il 6-11 ospite, i liberi e il canestro di Filippini sgranocchiano le distanze fino al 10-12. Il secondo centro dai 6.75 metri, a firma Aukstikalnis, rispedisce gli imolesi sul +5, la splendida costruzione dell’assist di Bastone a indirizzo di Bechi vale il nuovo -2. Cortese fa impazzire i tifosi ozzanesi con la prima tripla (15-17), i liberi di Bastone valgono l’aggancio (17-17); lo stesso numero 7 recupera palla e parte in contropiede, firmando il sorpasso e obbligando coach Di Paolantonio a un time-out a 1’17” dalla fine. Cortese si ripete, dalla distanza, poco dopo (22-19) permettendo a Ozzano di chiudere in vantaggio al suono della sirena.

Come nel primo quarto, sono quattro punti di Filippini a permettere a Ozzano di toccare il punto più alto, quando il risultato è 26-19. La tripla di Balducci (29-19) suggerisce che per i New Flying Balls è una serata diversa fuori area – 3/9 dopo 13’ di gioco – ma è la difesa che sale in cattedra: l’Andrea Costa Imola rimane paralizzata a quota 19 per 8’, fino al canestro di Ranuzzi quando siamo, quasi, a metà quarto. Balducci, come qualche minuto prima, è il giocatore che firma nuovamente il vantaggio in doppia cifra (34-24), ripetendosi poco dopo con la seconda tripla personale, con Di Paolantonio che richiama ancora i suoi al “minuto” sul 37-26. Ancora Balducci da tre, così come Aukstikalnis e Drocker, capaci di riportare l’Andrea Costa al -9 (41-32) a 2’ dal rientro negli spogliatoi. La violazione di campo ospite serve un ottimo assist ai ragazzi di Conti dopo l’ascesa imolese, che si giocano l’ultimo possesso sul +6 (45-39), concretizzato da Piazza sul suono della sirena. 

Cortese mantiene, già dopo pochi secondi, il 33.3% realizzativo da tre per un vantaggio che si aggira sulla decina di punti: Bastone, a rimbalzo, fa +13 (54-41) in un match che si colora sempre più di biancorosso ozzanese. Il +16 (61-45) è una sinfonia suonata dai tre ragazzi che sono già in doppia cifra – Bastone (14), Balducci (11), Filippini (11) – per una vittoria che va a costruirsi con un dato abbastanza eloquente per le palle perse: 9 Ozzano, 22 Andrea Costa. Da applausi l’assist di Bechi a indirizzo di Cortese – anch’egli nella lista dei giocatori in doppia cifra – per il 70-53

L’ultimo quarto è da passerella per Ozzano, che torna a vincere tra le mura di casa con una prova concreta e convincente. Capitan Cortese e Balducci, aiutano con un totale di otto triple: è proprio quello il numero che fa la differenza, così come le palle recuperate e perse – per Ozzano, rispettivamente, 41 e 11; per Imola 43 e 7 – dove sale in cattedra Nicola Bastone, autore di una doppia-doppia (16/10).

Top scorer: Aukstikalnis, 27 punti

Logimatic Group Ozzano vs Andrea Costa Imola 95-70 (22-19; 47-39; 71-58)

Logimatic Group Ozzano: Myers, Bechi 14, Bastone 16, Zambianchi, Martini G 8., Terzi, Filippini 11, Cortese 20, Balducci 11, Piazza 9, Abega 6, Zanasi. Coach: Conti

Andrea Costa Imola: Ronchini, Drocker 6, Fazzi, Sorrentino 2, Aukstikalnis 27, Ranuzzi 12, Corcelli 7, Donati, Marangoni 7, Bresolin, Martini L. 2, Crespi 7. Coach: Di Paolantonio

Arbitri: Pulina e Mamone
Note: 1Q 22-19; 2Q 25-20; 3Q 24-19; 4Q 24-12

Oggi "Black And White" alle 19 su Nettuno Bologna Uno
Trapani Shark firma Stefano Gentile e Amar Alibegovic