(foto Fiba Europe)
(foto Fiba Europe)

L'assemblea degli azionisti di Eurolega - riunita ieri a Barcellona - ha confermato le indiscrezioni della vigilia. Dentro Parigi - vincitrice dell'Eurocup - per la prossima stagione l'esclusa eccellente è Valencia, mentre tutte le altre pretendenti sono dentro: Alba, Partizan, Stella Rossa e Virtus. Il formato - per il 2024-25 - sarà identico, girone unico a 18 squadra che significa una massacrante regular season di 34 partite: l'esigenza diventa quindi quella di costruire un roster sufficientemente profondo, costituito "non da nomi a effetto ma da gente affamata", come dichiarato da coach Luca Banchi.
Con il rinnovo della sponsorizzazione Segafredo e l'imminente aumento di capitale il budget è già stato definito, e il club è già attivo da qualche settimana sul mercato. Con Grazulis dato per acquisito e sempre con i nodi Shengelia e Abass - tentato da Milano e Besiktas - da sciogliere, un nome caldo è Davide Alviti, se Abass partirà. Tra gli stranieri - dati per sicuri partenti Mickey e Lundberg, che piace al Partizan - due nomi accostati ai bianconeri da La Prealpina sono Rayjon Tucker ex Venezia e Marcus Foster, che ha appena vinto il campionato lituano col Lietuvos Rytas. Un altro nome che circola è quello di Jordan Loyd, in uscita da Monaco. 

Oggi "Euromario" su Radio Basket Italia
Fortitudo, il nodo Fantinelli e quello dell'allenatore