NASCE... AMO LA FORTITUDO


 Ogni volta che la vita ci mette di fronte a un cambiamento, ci lascia completamente scoperti e vulnerabili.


Capita nelle cose importanti di ognuno di noi. Obietterete: ma quanto può importare rispetto a questa vita, che spesso è una scheggia impazzita, l'amore per il basket e soprattutto per la Fortitudo.


Per noi, molto. Pari almeno alle sofferenze patite in questi anni grami con punte persino umilianti.


Sappiamo bene che le favole non esistono, sappiamo che il nuovo presidente Stefano Tedeschi non è un principe azzurro e insieme ai suoi, cui diciamo grazie, avrà un gran lavoro da fare per ricostruire tutto.


Lo vediamo come un dottore biancoblu', di quei medici di famiglia di una volta che diventavano un po' parenti di chi aveva bisogno di cure.


Il suo senso di appartenenza è il nostro. Il suo cuore, lo stesso. La sua competenza, quel volersi mettere a piena disposizione della causa comune, una garanzia unica.


Non sarà una passeggiata, ma ci sentiamo come se fosse tornata in pista la Fortitudo in cui ci siamo sempre specchiati.


Tornano con lui sotto la Effe simboli incancellabili, come la nostra storia. E anche la ricucitura con Matteo Gentilini il main sponsor ora socio, dopo una partenza falsa, ha il sapore buono di chi alla fine fa la tara tra pregi e difetti senza permalosità, facendo chiarezza, scoprendo che i lati positivi sono più firti del resto.


Ci lasciamo alle spalle immagini umilianti, con tutto il rispetto per gli avversari: Napoli. Cremona, Chieti, Chiusi, Cividale solo per citarne alcune. Disfatte annunciate, se non addirittura volute.


Lo dice il vecchio striscione: nessuna tempesta potrà mai scalfire il nostro amore. Ricompattiamoci. Sappiamo cosa vuol dire.


C'è solo la Fortitudo.


Ricominciamo.


Lo vogliamo. E siamo stati di parola, cambiando al momento della liberazione il nome del nostro gruppo: "Amo la Fortitudo".


C'è solo la Fortitudo.


Ricominciamo


Amo la Fortitudo
Oggi "Black And White" alle 19 su Nettuno Bologna Uno
DJORDJEVIC: IMPORTANTE CHE PARTIZAN E STELLA ROSSA SIANO AI MASSIMI LIVELLI, MA SONO SORPRESO DALLA LORO RICCHEZZA