Domenica 12 marzo alle 19.00 il Palasport Taliercio ospiterà il big-match l'Umana Reyer Venezia e la Virtus Segafredo Bologna.













I felsinei si presentano a Venezia con il primo posto in classifica in coabitazione all'Olimpia Milano.
L'Umana si tratta di una partita importante in chiave playoff, una sfida certamente difficile, ma a cui gli orogranata arrivano con la fiducia derivata dal successo su Brescia in Eurocup.
La Virtus si presenta all'incontro dopo il doppio impegno settimanale in Eurolega contro il Partizan e l'Alba Berlino.
Dal ritorno in Serie A della Virtus Bologna le due formazioni si sono affrontate 16 volte in 5 stagioni con un bilancio di 10-6 per le V nere, compresa la fresca sfida alle Final Eight di Coppa Italia.
Tanti gli ex della sfida, tutti da parte orogranata: Riccardo Moraschini (anche cresciuto nelle giovanili Virtus), Amedeo Tessitori e Marco Spissu.
Diretta tv su Eleven Sports.

 

Coach Neven Spahija prepartita

La definirei proprio una grande partita, perché giochiamo contro una squadra di Eurolega come la Virtus Bologna, che è un team con un grande allenatore e una grande organizzazione. Li abbiamo affrontati a Torino: ora siamo più pronti per giocare contro di loro, perché conosciamo di più noi stessi, oltre che loro, avendoli affrontati. Faremo del meglio per vincere la partita davanti ai nostri tifosi, perché sarà una domenica di grande festa sugli spalti. Confrontandoci con quelli che eravamo alle Final Eight, devo dire che abbiamo lavorato tanto, in attacco e in difesa, e credo che abbiamo fatto progressi in entrambe le fasi. Quattro partite sono troppo poche per avere una valutazione generale, ma quelle contro Brescia e contro Pesaro sono quelle che mostrano dove vogliamo andare e dove voglio andare con la mia idea di pallacanestro. Noi dobbiamo pensare a una partita alla volta, step by step. Siamo a marzo, per cui tutte le partite sono importanti. Ma non voglio cercare scuse: quando ho firmato il contratto, mi sono preso le mie responsabilità, perché pensavo e penso ancora di potercela fare, per cui il lavoro che dobbiamo fare adesso deve essere finalizzato a vincere una partita alla volta. La Virtus è migliore di Brescia, ma dobbiamo provarci, perché non importa contro chi giochiamo: dobbiamo avere sempre lo stesso approccio contro tutti, come ho detto alla squadra. Poi vedremo alla fine chi vince o chi perde, ma dobbiamo scendere in campo con la stessa mentalità, non cambiando la nostra filosofia e la fisicità.


Ufficio Stampa Reyer Venezia





Oggi "Black And White" alle 19 su Radio Nettuno Bologna Uno
DIANA: PARTITA IMPORTANTE. HACKETT E LUNDBERG IN DUBBIO