VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – FC BARCELONA 80-75 (18-24, 33-45; 56-61) 

Una Virtus splendida si porta a casa anche lo scalpo del Barcellona e continua nella sua clamorosa Eurolega.  Nel primo tempo i bianconeri avevano subito parecchio la fisicità degli avversari, affondando anche a -16. Ma la Segafredo non ha mai mollato, e nel secondo tempo ha ribaltato la partita, giocando in maniera fantastica, con enorme intensità, quella che nel secondo tempo il Barcellona non ha messo in campo, forse pensando di aver già vinto. Fantastica prova di Iffe Lundberg (21), che ancora una volta nell’ultimo quarto si è acceso e ha guidato i suoi. 14 e 6 assist per Hackett, 14 per Shengelia, ma l’intensità è cambiata grazie a tutti i giocatori in campo, anche Bruno Mascolo, che in assenza di Pajola è stato davvero prezioso in un momento chiave, tra fine terzo periodo e inizio quarto, con tanto di canestro del sorpasso. Una serata fantasmagorica, semplicemente.

La cronaca

La Virtus – dopo la tripla iniziale di Hackett – fatica contro la maggior stazza degli avversari. Subito 5-11, poi i bianconeri si accendono con un 9-0 firmato Hackett – Belinelli – Lundberg. Il Barça però ha davvero tante frecce nella propria faretra. Abrines prima e Parker poi (con palese infrazione di passi non rilevata) provano l’allungo. Lundberg segna sulla sirena e il punteggio al primo stop è 18-24.

A inizio secondo quarto Hernangomez fa la voce grossa contro Cacok, e in generale è un rebus senza soluzione per la difesa bianconera. L’ex Pelicans segna 11 punti in pochi minuti, e intanto la Segafredo va in rottura prolungata e finisce a -16 (20-36) subendo un tramortente parziale di 2-12. Cordinier e Hackett (10 a metà) provano a scuotere i compagni riavvicinare le Vu Nere. Il francese, con stoppata e schiacciata, riporta i suoi a -10: a metà il punteggio è 33-45, con canestro finale di Vesely.

Cordinier

 

Si riparte e la Virtus fa subito il massimo sforzo per rientrare: Belinelli prima, Shengelia poi, e arriva il -6 (41-47). Il Barcellona prova a staccarsi di nuovo, e trova ottimi punti da Brizuela. Ma il finale di terzo quarto è tutto bianconero. C’è spazio anche per Mascolo, che prende rimbalzo sull’ultima azione, tira e non prende il ferro, facendo un assist involontario a Shengelia che segna sulla sirena: 56-61.

Ultimo quarto: la Segafredo c’è. Lundberg e Shengelia e arriva il pareggio a quota 61. Arriva anche il vantaggio – 65-63 – con canestro di Mascolo. Il play campano tiene bene anche dietro, e tiene altissima l’intensità bianconera. Grimau fa cambi vorticosi, mentre Lundberg è caldissimo e firma il +5 (68-63). Il Barça si aggrappa a Vesely, che ne segna 5 in fila. Gli risponde Mickey, che però dopo un bel canestro fa un sanguinoso 0/2 ai liberi. Kalinic mette un gran canestro per il pareggio. Lundberg segna il 74-72, risponde Satoransky per il vantaggio blaugrana. Ma i bianconeri rispondono da campioni. La gira Hackett, che a 50" controsorpassa con due liberi, e subito dopo incassa fallo in attacco, il quinto di Abrines. E poco dopo Lundberg mette la tripla del +4 a 17”. Sbaglia Laprovittola, ed è finita qui. Finisce 80-75, trionfo assoluto.

Il Tabellino

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – FC BARCELONA 80-75 (18-24, 33-45; 56-61) 

BOLOGNA: Cordinier 10; Lundberg 21; Belinelli 8; Smith 0; Dobric 2; Mascolo 2; Cacok 0; Shengelia 14; Hackett 14; Mickey 8; Dunston 1; Abass 0. All. Banchi

BARCELONA: Da Silva 3; Paulì 0; Vesely 13; Brizuela 9; Kalinic 7; Satoransky 9; Hernangomez 15; Laprovittola 9; Abrines 6; Parker 4; Nnaji NE; Jokubaitis 0. All. Grimau

 

 

Oggi "Euromario", il martedì alle 18 su Radio Basket Italia
Virtus Segafredo Bologna - FC Barcelona, le pagelle