Con un’altra prova sontuosa la Virtus conclude il suo trionfale mese di ottobre. Prima in campionato, seconda in Eurolega e con 10 vittorie in 11 partite ufficiali.
La partita di ieri sulla carta era molto insidiosa - soprattutto dopo la difficile trasferta di Lione - ma i bianconeri sono stati bravissimi a renderla semplice. Parziale di 23-6 nel secondo quarto e sostanzialmente tutti a casa. Tutti i tentativi di rimonta partenopea sono stati respinti senza particolari problemi, e l’ultimo quarto è stato sostanzialmente di garbage time.
Tante cose sono significative, a partire dal fatto che chi finora aveva giocato tanto (Shengelia, Cordinier, Hackett) abbia sostanzialmente potuto prendersi un turno di riposo, e che tra i cinque giocatori in doppia cifra tre siano italiani, ovvero gli ottimi Pajola e Abass oltre al “solito” Belinelli.
La classifica dopo cinque giornate ovviamente non conta nulla, come ha sottolineato Banchi ieri sera, ma intanto i bianconeri sono a +4 su Milano. Considerata l’immancabile rivalità, non si può non notare che l’inizio di stagione delle due squadre è decisamente diverso.
La Virtus sta giocando davvero con grande serenità, e pur con cose da migliorare sta crescendo partita dopo partita. L’intenzione è quella di continuare così. Venerdì, intanto, si torna in Fiera, con un big match di Eurolega contro l'Efes.

Oggi "Euromario", il martedì alle 18 su Radio Basket Italia
TOP E FLOP DI NBA NELLE PRIME GARE DI CAMPIONATO 2023 – 2024: QUALI SONO LE FRANCHIGIE FAVORITE ALLA VITTORIA DELL’ANELLO?