Seconda, splendida, vittoria per la Nazionale Femminile nel girone di Qualificazione al Women’s EuroBasket 2025. Ad Amburgo le Azzurre hanno superato 53-70 la Germania al termine di una partita giocata con determinazione e coraggio per tutti i 40 minuti. Dodicesima vittoria consecutiva per l’Italia in una partita dei Qualifiers per un Europeo, ottenuta su una squadra che solo tre giorni fa aveva segnato 85 punti in casa della Repubblica Ceca.

La miglior marcatrice Azzurra è stata Matilde Villa con 17 punti, nuovo career high ritoccato a soli 3 giorni dai 10 realizzati a Vigevano. In doppia cifra anche Cecilia Zandalasini (16), Martina Fassina (10) e Sara Madera (13). Esordio in Nazionale per Sierra Campisano.

Nell’altra partita del girone H la Grecia ha superato 75-66 la Repubblica Ceca: la seconda finestra dei Qualifiers si giocherà a novembre 2024, l’ultima a febbraio 2025. L’Italia e gli altri 3 Paesi ospitanti (Grecia, Repubblica Ceca e la stessa Germania) sono già qualificate per l’Europeo.

Così coach Capobianco a fine partita. “Prestazione precisa, di grande qualità, di attenzione ai dettagli: aver tenuto la Germania a 53 punti è un ottimo risultato, le ragazze si sono attenute al piano partita che prevedeva attacchi capaci di far lavorare la difesa tedesca per almeno 18 secondi ed eccellenti nel coprire l’errore della propria compagna. E’ questo il primo passo per diventare una grande squadra. Ho apprezzato in particolare gli ultimi 7 minuti, quando la Germania ha provato in tutti i modi a tornare a contatto ma è sempre stata ricacciata indietro. Ringrazio lo staff che mi ha messo nelle condizioni ideali per giocare queste due partite, il clima emotivo che si è respirato in questi sette giorni ha fatto la differenza. Il presidente Petrucci ripete spesso che bisogna avere coraggio e credere nelle cose: noi siamo venuti ad Amburgo con questo spirito”.

Capobianco conferma il quintetto di Vigevano (Villa, Spreafico, Zandalasini, Keys, Cubaj) e le Azzurre entrano nel catino di Amburgo (sold-out e tanto entusiasmo, 3.400 spettatori) con la faccia giusta: il primo quarto rasenta la perfezione e si chiude sull’8-21 grazie ai punti di Villa e Zandalasini ma soprattutto a una difesa che contiene alla perfezione tutte le armi offensive della Germania. Nel secondo quarto le sorelle Sabally suonano la carica ma l’Italia tiene nonostante il 2/11 dall’arco e va all’intervallo lungo sul + 9 (27-36) dopo aver toccato anche il +18.

Il terzo quarto è una sorta di Matilde Villa Show, le Azzurre resistono ai tentativi di rientro della Germania, sempre più Sabally-dipendente, e mantengono la doppia cifra di vantaggio. Le percentuali si abbassano, cresce l’agonismo in campo ma la squadra di Capobianco non arretra di un centimetro nonostante l’evidente gap atletico. La conferma arriva dalla stoppata di Cocca Verona sulla sirena del parziale.

L’ultimo quarto è nel segno di Sara Madera, le sue tre triple consecutive ci spingono sul 63-49 a 5 minuti dalla fine e poi la tripla di Zandalasini ci riporta a +17. Il pubblico di Amburgo continua a sostenere la Germania con grande affetto ma la partita è andata.

Germania-Italia 53-70 (8-21; 19-15; 12-12; 14-22)
Germania: S. Sabally* 11 (3/13, 0/6), Wilke 3 (0/1, 1/2), Simon, Crowder, N. Sabally* 12 (5/8, 0/1), Guelich* 8 (3/7, 0/1), Fiebich* 10 (3/6, 0/6), Geiselsöder 2 (1/2), Hartmann (0/1 da 3), Buhner ne, Brunckhorst* 7 (1/5, 1/4). All. Thomaidis
Italia: Keys* (0/3 da 3), Villa* 17 (8/11, 0/1), Verona 2 (1/3), Zandalasini* 16 (4/7, 2/7), Pan (0/1 da 3), Cubaj* 7 (2/10), Madera 13 (1/1, 3/4), Fassina 10 (3/3, 1/4), Spreafico* (0/2 da 3), Panzera 5 (0/1, 1/4), Campisano, Kacerik. All. Capobianco

Arbitri: Viola Gyorgyi (Romania), Alexandra-Ioana Stan (Romania), Paulina Karolina Gajdosz (Polonia)

Spettatori: 3.400.
T2P: Germania 16/42, Italia 19/36. T3P: Germania 2/21, Italia 7/26. TL: Germania 15/20, Italia 11/15 . Rimbalzi: Germania 44, Italia 41 (Cubaj 13). Perse: Germania 13, Italia 12. Recuperate: Germania 5, Italia 8. Assist: Germania 9, Italia 11 (Villa 3)

 

 

 

 

 

 

 


 

“Salotto Bianconero”: la nuova puntata su Facebook e Youtube
L'omaggio della Fortitudo e del PalaDozza a Charles Jordan