Le parole degli allenatori di Bologna e Rimini

 

Attilio Caja

Complimenti ai ragazzi, hanno fatto una partita di grande cuore e volontà, qualcuno non è nelle migliori condizioni ma nessuno si è tirato indietro, si sono dati una mano e anche dalla panchina chi è entrato ha dato energia al di là di qualcosa da migliorare in fase tecnica. Grande finale in difesa, recuperando da -4 e finendo a +7 con loro che non sono più riusciti a fare canestro. Grande prova di squadra contro una ottima Rimini: segnare contro di noi non è facile ma Marks e Tommasini hanno fatto canestri difficili, bravi loro. Abbiamo condotto per molto tempo, poi nelle difficoltà ci siamo aggrappati alla difesa e ai canestri in contropiede. Davanti a tutta questa gente è naturale metterci il cuore, i ragazzi devono dare sempre il massimo per ripagare questa gente. Da 1 a 10 sono contento 100, non ho niente da dire a nessuno e non lo avrei avuto anche se avessimo perso. Abbiamo qualche limite ma ce la mettiamo tutta, siamo ancora primi e se a Forlì perdessimo contenendo lo scarto resteremmo in testa. Dobbiamo cercare di fare grandi partite ovunque, ma soprattutto in casa davanti a questo pubblico.

 

 

Caja
Attilio Caja - Foto Valentino Orsini - Fortitudo Pallacanestro 103

Sandro Dell'Agnello

Abbiamo fatto una partita importante contro la prima in classifica, arrivando fino alla fine in parità. Troppa differenza fisica, ma abbiamo davvero fatto il possibile. Tanti errori sia nostri che loro, qualcuno di più da parte nostra. Però di solito si è contenti quando si vince. Il finale? Un canestrone di Aradori e un errore nostro su una infrazione, e in questi casi due da un lato e non dall'altro fa la differenza.

 

Il video  grazie a Sport Press.

 

Questa sera "Vitamina Effe" su Nettuno Bologna Uno
Zagklis: i problemi tra FIBA ed Eurolega più piccoli di quel che sembrano