Kyle Weems - tornato negli Stati Uniti dopo la fine della stagione bianconera - è stato intervistato dallo Springfield Daily Citizen.
Un estratto delle sue parole.

L'abbraccio del tifosi Virtus per l'ultima partita. E' qualcosa che sogni o vedi in TV ha detto Weems, paragonando la fine della sua esperienza con la Virtus Bologna alla sua ultima partita casalinga con Missouri State. “A parte l'amore che ho avuto a Missouri State per la senior night, non ho mai provato niente del genere.

Ovviamente, sento il bisogno di sottolineare il mio legame con i fan negli ultimi quattro anni. Sono stati così solidali e così amorevoli nei confronti di me e della mia famiglia quando ho perso mio padre a causa di un cancro ai polmoni nel 2019. Il saluto che ho ricevuto è stato qualcosa che non dimenticherò mai.

Il futuro. Sono vicino a un accordo in Italia in Serie A. Ho appena cambiato agente. Ci sono ancora alcune cose da appianare, ma sembra che resterò in prima divisione in Italia, ma non sono ancora sicuro sul dove.
In ogni caso, le opzioni che ho sono davvero buone, dal punto di vista finanziario e familiare, e in questa fase della mia carriera è tutto ciò che posso chiedere. Non appena sarà certo, lo renderò ufficiale su tutti i miei social media in modo che tutti lo sappiano.

Il non aver giocato i playoff. La stagione di Eurolega è così vigorosa e così dura che in caso di infortuni, servono molti giocatori nel roster. Avevamo circa 16 giocatori, e con due o tre ragazzi erano sempre infortunati, quindi ha funzionato per la maggior parte della stagione.
C'è una regola nel campionato italiano, così come in alcuni altri paesi, in cui c'è un limite al numero di non italiani che possono essere nel roster contemporaneamente. Noi avevamo nove non italiani, e io sono uno dei tre rimasti fuori durante i playoff. È stato piuttosto umiliante.
L'allenatore ha deciso di andare con un altro tipo di roster. Ma non mi sono lamentato con il buon Dio. Tutto accade per una ragione.

La mia fame e il mio desiderio di iniziare a prepararmi per la prossima stagione è probabilmente ai massimi storici considerando la situazione che ho avuto, non potendo giocare nei playoff. Essere in grado di affrontare la sfida ogni giorno per mantenermi in forma, per lavorare sul mio corpo, è qualcosa che non ho ancora perso.
Non sono sicuro di quando lo perderò. Spero che non sia entro i prossimi due anni, in questo momento è tempo di prepararsi per la prossima stagione. Non importa dove andrò, sarà un contratto di due anni.
Penso che qualsiasi altra cosa dopo sia solo la ciliegina sulla torta.

A fine carriera, Weems vorrebbe fare l'agente.
Questo è uno dei motivi per cui ho cambiato rappresentanza. Ho avuto l'opportunità di lavorare con BDA, la Bill Duffy Agency, un importante agente NBA qui che si è recentemente fuso con William Morris che ha appena ingaggiato ragazzi come Grady Dick e Jaylen Wilson del Kansas e Anthony Edwards dei Timberwolves. Sarei dalla parte internazionale. C'è un agente veterano dalla Serbia che è disposto a mostrarmi i dettagli, i pro e i contro.
Posso iniziare quest'estate ad andare alla NBA Summer League a Las Vegas, guardare alcune partite della Summer League, tuffarmi e vedere di cosa si tratta. In questo modo, quando sarà il momento di finire, saprò esattamente cosa devo fare e farò a testa alta.

“Salotto Bianconero”: la nuova puntata su Facebook e Youtube
FORTITUDO, PER ORA NULLA DI FATTO PER LA CESSIONE: LA CORDATA TEDESCHI ATTENDE LE DECISIONI DELL'ATTUALE PROPRIETA'