Non vi è dubbio che l’ufficializzazione dell’accordo con il coach Mauro Zappi rappresenti motivo di grande soddisfazione tra i dirigenti ed i tifosi dell’Olimpia Castello.

 

La firma di Zappi è il primo passo ufficiale verso la stagione di serie B Interregionale 2024/2025 ed è il General Manager Danilo Francesconi ad illustrare i passaggi fondamentali di questa scelta:

"Quando Giordani a fine campionato ci ha comunicato che era intenzionato a non allenare per la prossima stagione mi sono messo immediatamente al lavoro, prima individuando una rosa di allenatori, tutti di alto livello, incontrandoli varie volte. Quello che mi ha subito impressionato sono state la professionalità, la voglia, la competenza e quella giusta ambizione che traspariva in Mauro.

Senza dimenticare l’apprezzamento per il lavoro svolto sui giovani negli ultimi anni e la condivisione totale nel proseguire su questa strada anche con noi. 

Ne ho parlato con il presidente Massimo Ramini e con gli altri consiglieri ed insieme abbiamo deciso di puntare su forte su Mauro Zappi.

Credo sicuramente che la sua conoscenza del gioco e delle dinamiche dello spogliatoio siano un suo punto di forza: ha maturato un’esperienza tale in campionati di B nazionale che ci conforta e ci stimola per il futuro.

Tra tante difficoltà normative, logistiche, avversari per lo più sconosciuti con un livello tecnico agonistico che si è rivelato davvero alto e, soprattutto, un budget parecchio inferiore ad almeno cinque/sei squadre, nella splendida ultima stagione abbiamo centrato una salvezza che tanti "esperti" ad inizio stagione non ci accreditavano.

Ora siamo chiamati a confermare i valori, l’entusiasmo, le qualità morali e tecniche che ci hanno contraddistinto nella passata stagione. E il primo fondamentale "pilastro" con l’arrivo di Mauro Zappi l’abbiamo messo!!!

Lui si è presentato con un grande entusiasmo e un forte desiderio di fare bene con noi. E noi con lui!!!”

 

Oggi "Virtussini siamo noi" su Radio Basket Italia
Raznatovic: preoccupato per il basket in Europa, all'Eurolega mancano stelle di prima grandezza