La nuova Segafredo Arena non sorgerà più al posto del padiglione 35 della Fiera, ma in piazza Costituzione, al posto dell'attuale Palazzo degli Affari, in disuso da anni.

L’edificio polifunzionale fa parte del progetto di ampliamento e rigenerazione del quartiere, Tek, che doterà la fiera di nuove strutture da destinare a centri di ricerca collegati al Tecnopolo, strutture ricettive, eventi e intrattenimento. Nel concreto l’arena sarà come  annunciato, posizione a parte: la capienza sarà di 10mila spettatori e le tribune rimovibili, che verranno montate in occasione delle partite e smontate per lasciare spazio ad altri usi compreso quello espositivo: 

Antonio Bruzzone, AD di Fiera, ha dichiarato alla DIRE: Abbiamo un palazzetto a rotelle Con Virtus siamo d’accordo, il posizionamento in piazza Costituzione è più prestigioso. L’obiettivo è averlo pronto per la stagione cestistica 2026-2027. Quando partiranno i cantieri dipenderà da vari fattori. Nel 2026 c’è Eima (la fiera dedicata ai grandi macchinari agricoli, ndr) e deve essere pronto

L’arena sarà avvolta da una pensilina fotovoltaica che, come un maxi-schermo, si illuminerà differentemente in base all’evento che si starà svolgendo nel padiglione (il logo della Virtus durante le partite, quello di Eima durante l’expo). Il restyling dell’ingresso della fiera coinvolgerà l’intera Piazza della Costituzione: verrà realizzato un nuovo collegamento su via Aldo Moro - oltre alla già prevista fermata della linea rossa del tram -, dei parcheggi multifunzionali e verrà “addomesticata” l’area verde che attualmente circonda l’edificio dell’Esprit Nouveau con nuovi vialetti e aiuole verdi con fontane..

 

Oggi "Virtussini siamo noi" su Radio Basket Italia
La Virtus femminile sconfitta in casa da Schio: 61-71