Massimo Zanetti è intervenuto ieri a "La politica del pallone" su Radio Rai, parlando del momento magico dello sport bolognese tra Virtus, Fortitudo e Bologna FC.
Le parole del patron bianconero, come riportate dai quotidiani bolognesi

Noi siamo primi, la Fortitudo è in testa alla serie A2 e il Bologna sta facendo un grande campionato. Questa è una città sportiva, che sente e vive lo sport. Io sono ovviamente felice per Virtus e cerco di mantenerla forte.

Il successo della Virtus? Una proprietà solida, buoni collaboratori, un allenatore che dà tranquillità. Credo sia questo il segreto degli odierni successi della Virtus, ma vedo somiglianze anche nel Bologna di Thiago Motta, una pax sociale nel club che determina i risultati sportivi. Poi vedo squadre con campioni del medesimo livello, senza primedonne. E ancora, un grande pubblico, quello che lo stesso venerdì sera, per partite in concomitanza, ha riempito il Dall'Ara e portato quasi novemila tifosi da noi per Virtus-­Efes e fa il pieno anche alla Fortitudo. È un bel momento per la città e chiedo al Comune di dare sostegno a queste nostre società, sveltendo le burocrazie per aver impianti che siano all'altezza di tanta passione. Lo sport è un valore grande per Bologna.

Il futuro? Per la Virtus, entrare nei playoff di Eurolega. Per me, mantenere una Virtus forte, forte, forte. Un ritorno nel calcio? No, ho i miei anni, e lì ho chiuso. Mi diverto di più a vedere una partita di basket. Questo calcio di oggi spesso mi addormenta.

A questo link il podcast della trasmissione.

 

Oggi "Euromario", il martedì alle 18 su Radio Basket Italia
Cambiamenti di gioco:Come l'NBA ha rivoluzionato il gaming