Nella mattinata di sabato 18 novembre si è tenuta, nel Salone delle Terme, nel comune di Castel San Pietro (BO), le premiazioni (ben 51) del Comitato Regionale per la stagione sportiva 2022/2023.

Evento a cui, come ogni anno, hanno partecipato moltissimi atleti e società (complessivamente circa 300), ma anche tantissimi illustri ospiti.

La prima a prendere la parola è stata Francesca Marchetti, che ha rappresentato la Regione Emilia-Romagna (Presidente della V Commissione assembleare, quella che si occupa anche di sport) e il comune castellano (consigliera comunale), sostituendo il sindaco Tinti che non ha potuto presenziare. Il suo intervento si è focalizzato sull’importanza dello sport: “al di là dei risultati raggiunti, il valore più importante è il valore che lo sport trasmette”, continuando con “vedervi così numerosi è la prova che lo sport unisce; dove c’è lo sport, abbiamo un comunicatore privilegiato per l’educazione dei nostri ragazzi”.

Poi si è passati al presidente regionale della FIP Antonio Galli che anche quest’anno ha mostrato i buoni numeri del Comitato Regionale Emilia-Romagna, commentando “non siamo scesi rispetto lo scorso anno, anzi stiamo migliorando in tutti i campi, soprattutto nel minibasket, che quest’anno ha già raggiunto circa 11mila mini-atleti”. Ha, inoltre, affrontato il tema riguardante sia il settore femminile che “ha un iscrizione più risicata rispetto a quello maschile” che il reclutamento di nuovi arbitri.

Si è soffermato, invece, sulla nuova legge sul lavoro sportivo, il presidente Regionale del CONI, Andrea Dondi, che ha commentato la situazione. “Lo statuto si può fare senza grande tragedie – ha detto – ma il problema grosso è che ci chiedono di essere professionisti, quando il movimento è fondamentalmente dilettantistico”. 

Infine, il presidente federale Petrucci ha condiviso quanto detto da Dondi: “la Federazione ci sta lavorando, la FederCalcio è venuta da noi e ci ha chiesto chiarimenti su quello che stiamo facendo e come vogliamo muoverci, è un problema che riguarda tutti, non solo la pallacanestro”.

Tra gli ospiti, l’allenatore della Nazionale Under 16 femminile, Giovanni Lucchesi, che, insieme alla Referente Tecnico Territoriale, Valeria Giovati, ha premiato le giovani promesse, classe 2007, Beatrice Cerè e Matteo Accorsi. Poi è stato il turno del Commisioner del Comitato Italiano Arbitri, Luigi Lamonica, che ha premiato due giovani promesse: l’arbitro Mattia Forconi e l’Ufficiale di Campo, Dania Maffezzoli. Il Presidente Antonio Galli, invece, ha consegnato il Premio Stampa al giornalista del Corriere di Romagna, Riccardo Rossi.

Chiosa finale per Giancarlo Galimberti, premiato dai Presidenti Petrucci e Galli, con una targa d’Onore d’Oro per la sua lunga militanza nel mondo della pallacanestro (53 anni).

 

Oggi "Black And White" alle 19 su Nettuno Bologna Uno
Halftime: Cividale - Fortitudo 23-32