(Foto Mauro Donati)
(Foto Mauro Donati)

Stefano Tedeschi è stato ospite di “Basket Land” sul canale 81.

La Coppa Italia. "Positiva, valutando come sono andate le cose sì. Rammarico per non essere riusciti a portare a casa la manifestazione, sarebbe stato un grosso risultato al nostro primo anno di attività. Ci sono stati gli infortuni, e proprio nella gara che poteva portarci a vincere dopo l'inaspettata vittoria con Trapani. Ma non possiamo dire nulla, siamo soddisfatti. E a Latina abbiamo fatto da acciaccati una bella partita. Ora speriamo di tornare al completo, specie in una fase come questa dove si mettono a posto le classifiche."

La vittoria di Latina. "Poteva essere rischiosa, viste le condizioni. Ma il lavoro paga sempre, e tutti hanno risposto bene facendo una buona prova di squadra senza nessun primo protagonista. Anche le seconde linee hanno dato il loro contributo, e questo ha fatto piacere perchè chi vede gli allenamenti sa quanto si impegnino"

In A2 conta molto l'allenatore. "Attilio Caja non lo scopro io, ha 30 anni di serie A e ci sarà un motivo. Seguo la squadra negli allenamenti, vedo la sua meticolosità e il suo modo di preparare le partite e la difesa. Poi come tutti ha il proprio carattere, chiede massimo impegno, ma se lo fa lui lo devono fare anche gli altri. Ho scoperto da vicino la sua professionalità, è un lusso per la A2 e quando a luglio mi disse di sì quasi non ci credevo. E' stata una sorpresa positiva, e a questo livello vale un buon giocatore. Così come la Virtus, che ha in Banchi un allenatore straordinario."

Le prime mosse in stagione sono state ottime, ora vedremo le ultime. "Le basi sono fondamentali, serve avere armonia e coesione in società. All'inizio leggevo che non saremmo nemmeno arrivati a settembre, ora andiamo avanti. Sono soddisfatto e contento, ho un gruppo di amici che hanno voglia di fare. E' un anno impegnativo, noi andiamo in campo cercando di vincere tutte le partite davanti a tifosi incredibili che si rendono conto della situazione: quando li incontro quasi mi commuovono, per come non chiedono la luna. E' il tifoso Fortitudo, che ha caratteristiche uniche: pensiamo a quanti sono venuti a Roma di domenica sera dovendo andare a lavorare il giorno dopo, o chi è sceso a Latina avendo poi problemi al pullman al ritorno. Per questa gente è giusto impegnarsi"

Niang sta facendo bene a Trento. Con lui cosa è successo? "Ha chiesto di fare una esperienza in un'altra società, noi ci siamo trovati davanti a questa situazione senza sapere quali fossero i precedenti, e so benissimo che in questi casi è difficile dire di no. Non so perchè abbia voluto andare via, ma è evidente che stesse lavorando bene anche qua. Mi auguro che un giorno possa ritornare"

Avresti firmato per essere in questa posizione? “Certo che sì, poi quando giochi non sei mai contento e l'appetito viene mangiando. Siamo partiti molto forte, abbiamo perso qualche partita mettendoci del nostro come la trasferta a Forlì e quell'azione finale senza spendere falli, o la casalinga con Verona. Ma dobbiamo essere seri, abbiamo costruito la squadra in fretta: i risultati sono questi, sappiamo che i playoff sono un terno al lotto e le società non sanno quante partite giocheranno. Se ci sarà bisogno di fare correttivi parleremo con allenatore e GM, ma finora c'è stato poco da fare. Poche proposte e giocatori non liberati come è successo con Della Rosa a Pistoia che era incedibile. Ora mancano dieci giorni, e anche in serie A ci sono poche squadre che possano liberare qualcuno. La A2 è un bel campionato, nessuno è ancora sicuro del proprio destino, ma noi siamo qua”

La panchina cresce? “Alcuni di loro erano giovani e inesperti, ma vediamo che anche chi ha squadre lunghe soffre se ci sono infortuni, vedi quello che sta capitando in Virtus. Noi abbiamo vinto a Latina, con la sua classifica, ma ci sta che possa essere diverso affrontando altri tipi di squadra. Ma, ripeto, il lavoro sta pagando e certi aspetti emotivi ostacolanti stanno cambiando: ci sta che se sbagli l'allenatore ti cambi, ma i segnali sono buoni. Poi ripeto, se l'allenatore farà richieste, noi siamo qua. I playoff vogliamo vincerli”

Ci sono trattative? “Poche perchè i giocatori sono pochi. Poi dovrà essere l'allenatore a capire dove e come avere rinforzi. Ma le cose in generale si stanno muovendo da pochi giorni, mi è stata fatta una proposta da un procuratore e l'ho girata a chi da noi fa mercato. Per ora sono i procuratori che si stanno muovendo, e non vorrei che fossero in realtà solo ipotesi per giocatori che poi non sono cedibili. Ma questa settimana sarà importante"

Gira la voce Stefanini. “Non mi sembra ci sia in giro una trattativa. Lo conosco, ma io faccio il presidente e non l'allenatore. E deve essere l'allenatore a decidere quali sono i giocatori che gli possono servire”

Il video

Oggi su Rete8 qsvs (canale 81 del dtt) "Basket Land", alle ore 22.45
Olimpia Castello, sconfitta a Bergamo