Con ancora la non ufficialità della fine dell'era Muratori per passare a quella Tedeschi, qualche nodo per la Fortitudo (sul campo) che verrà viene già evidenziato dalla stampa, in particolare quello dell'allenatore e dei giocatori ancora sotto contratto.

Per quello che riguarda l'allenatore, la dicotomia delle versioni racconta di un Carlino dove salirebbero le quotazioni di Matteo Angori, meritevole - per il quotidiano - di aver messo a posto le cose dopo la gestione Dalmonte e apprezzato per la sua fortitudinità, come chiesto dalla tifoseria. Diversa la ricostruzione di Stadio, che vede improbabile la conferma di Angori - almeno come head coach - e vira su altri nomi che piacerebbero ai capi che verranno.

Detto altrove della escape di Fantinelli, l'altro nome su cui ci potrebbe essere margine di trattativa è quello di Pietro Aradori. Scritto ieri del possibile interesse di Udine, e ricordato come il suo procuratore e consigliere della (ex?) proprietà Riccardo Sbezzi a Sport Club aveva puntualizzato sia la presenza di un contratto in essere che la voglia di restare a Bologna, oggi il Carlino racconta una realtà inedita, ovvero la presenza di una clausola di uscita da esercitare in tempi brevi. Che però, essendo il giocatore apprezzato dalla società, renderebbe l'opzione della fine dell'esperienza bolognese di Aradori poco probabile.

(Foto Valentino Orsini - Fortitudo Pallacanestro 103)

“Salotto Bianconero”: la nuova puntata su Facebook e Youtube
PLAYGROUND, COMUNICATO DEL 25 GIUGNO