Valerio Antonini è nuovamente tornato sulla serata di ieri, a Trapanisì

Il problema non è quello che è successo dopo, il problema è quello che è successo da prima e che ha portato a quello che è successo dopo. Io credo che innanzitutto gravissimo sia il comportamento della società avversaria che a parte il buon Nicola Basciano che si è comportato benissimo con noi, è stato molto gentile sia lui che il papà Pietro che saluto, ma tutto il resto è stata una cosa vergognosa, degna di piazze veramente scandalose. Io ho visto una realtà eccezionale perché la Fortitudo Bologna, parliamo del Milan, dell’Inter, dell’Juventus, del calcio, è una società storica straordinaria ma, il fatto che sia in Serie A2 non mi sorprende perché, se una squadra di questo tipo con questo bacino d’utenza e con questo potenziale, viene gestita nella maniera che abbiamo visto ieri è veramente incredibile.
Un palazzetto bellissimo straordinario ma praticamente gestito come se fosse un fast food, ci hanno fatto andare in quella che hanno chiamato Area Vip, in un semi interrato tutti in piedi con un tavolinetto con quattro cose da mangiare e tre bottiglie d’acqua! Una cosa scandalosa! Per non parlare di quello che è successo da quando sono entrato nel palazzetto: fischi, insulti, minacce, tentativi di aggressione, una cosa incredibile e che si è completata con la mancanza della premiazione nel parquet, con il fatto che la Rai ha tolto il collegamento nel momento in cui la partita è praticamente finita dopo pochissimi minuti, una cosa incredibile! E poi il fatto che noi siamo stati costretti a rimanere quasi fino all’una  di notte circondati da polizia in assetto di sommossa sotto il palazzetto con minacce che non saremmo potuti uscire. Una cosa vergognosa! Ritengo che la Lega, che organizza un campionato di basket, non possa permettere quello che è successo ieri, ecco perché noi ci aspettiamo delle punizioni esemplari per la Fortitudo Bologna.

Io credo che ieri abbiamo dato la dimostrazione, se mai ancora ce ne fosse bisogno, dell’enorme differenza di potenziale che c’è tra qui e lì, qui li abbiamo ospitati, hanno trovato un palazzetto eccezionale, sono stati accolti al meglio, hanno mangiato, bevuto, fatto quello che volevano, i biglietti se li sono decisi loro quanto dovevano pagare, hanno fatto come volevano loro, siamo andati là e ci hanno insultato, trattato nella maniera in cui ci hanno trattato.
A Roma si dice: “Se la sò presa ‘nder… quella parola, l’ultima parola, c’è l’Inder, come diceva Suning e c’è l’ender che diciamo noi a Roma.Allora guarda per questo è l’ennesima dimostrazione della mistificazione della realtà, tutta l’area VIP di questa sottospecie di tifoseria ha cominciato a fare gesti di ogni tipo, di manette nei miei confronti, di corna, di linguacce, di sputavano per terra, una cosa che voi non avete neanche idea dello schifo a cui io ho assistito ieri. Veramente una cosa vergognosa, si dovrebbero vergognare anche solo di parlare, di avere il coraggio di parlare. Per me se ne possono andare in quel posto, se la sono presa in quel posto, ho goduto come un matto ad andare lì a trionfare e quindi anche se abbiamo abbiamo alzato la coppa in un sottoscala, ce la godiamo alla grande!
Adesso il 13 la festa la facciamo noi e alla faccia loro loro"

Questa sera "Vitamina Effe" su Nettuno Bologna Uno
Fantinelli, "Con voi ricomincerei ad allenarmi anche domani"