Alessandro Pajola è stato intervistato da Fabrizio Fabbri sul Corriere dello Sport.
Un estratto delle sue parole.

Sono rimasto un po' sorpreso dalla sconfitta degli USA contro la Lituania, perché di qualità ne hanno tanta. E' vero anche che i baltici hanno giocatori di ottimo livello e sono riusciti a tirare da 3 punti in maniera fenomenale. Abbiamo comunque una certezza: gli Usa non sono imbattibili, come tutti del resto. Lo sport è bello per questo e il basket ancora di più. Non ci sono mai certezze definite. Avevano già faticato contro il Montenegro. Le ultime partite ci hanno dato spunti di riflessione su quali possono essere i loro punti deboli.
Cosa dovrà succedere per continuare a sognare? "Essere continui per tutti i 40', senza pause come è accaduto in qualche partita. Gli errori devono essere limitati al minimo e bisognerà rimanere dentro al piano partita su cui abbiamo lavorato. Insomma, dobbiamo restare noi stessi, lavorando duro nella metà campo difensiva.

La Nazionale ha riacceso l'entusiasmo per la pallacanestro in Italia. Vale come una medaglia. Questo momento però non deve essere un punto d'arrivo, ma una partenza per dare ancora più forza al basket. Siamo tra le prime otto del mondo, abbiamo giocato, e bene, le Olimpiadi e sfiorato la semifinale agli Europei. Un cammino fatto di tante tappe che non deve arrestarsi. Perché stiamo costruendo qualcosa di molto importante".

Quale è la vostra grande forza? "Il gruppo: per noi è come la pozione magica di Asterix. Stiamo bene insieme, in campo e fuori. Si ride, si scherza, poi ci si allena duramente e in campo siamo sempre uniti. Così la stanchezza vola via in un attimo".

Oggi "Black And White" alle 19 su Nettuno Bologna Uno
LBA, PUBBLICATO L'INVITO AD OFFRIRE PER I PACCHETTI SCOUTING