Al programma Fossa on the Radio si è tornati sui fatti di domenica.

Non abbiamo una televisione, quindi dovremo cercare di restare nei confini della realtà a differenza di altri. Sappiamo che le prevendite della loro festa non stanno andando bene, forse anche per questo è colpa di chi va in giro a torso nudo, però siamo certi che nella zona dinner ci saranno crostacei e gamberi di Mazara. Noi da qui possiamo solo ringraziare i nostri giocatori, mentre certe persone le aspetteremo sulla sponda del fiume. Dove però c'è una panchina, per far sedere le gente in attesa. 

Non piangiamo nessuna lacrima per il tiro di Imbrò, che almeno non è un giocatore pitonato come altri, magari qualche fischiata non è andata bene ma meglio così, andare a giocare gara 5 là sarebbe stato faticoso, stomachevole. Abbiamo letto le altisonanti penne di Telesud, dove ci chiamano felsinèi. E neghiamo quello che hanno scritto, ovvero che abbiamo negato i festeggiamenti: qualche giornalista ha dato per certo che sia stata la Fossa a proibire la cerimonia, ma questa era già stata prevista per gara 3. Ed era stato pattuito che entrambe le tifoserie avrebbeo potuto festeggiare, dato che tra queste non c'era alcun tipo di screzio. Cinquemila persone hanno visto quel gesto, a partita finita, a metà campo, dell'ombrello. Poi gli deve essere venuto del prurito all'inguine, e a quel punto si è dovuta spostare la premazione negli spogliatoi.

Oggi "Euromario" su Radio Basket Italia
Provvedimenti disciplinari: squalifica per Banchi e Belinelli, deplorazione per Messina