Alla fine trionfa l’attacco della Neupharma, in un derby contro l’OraSì Ravenna tenuto per i capelli sino alla fine. I gialloneri festeggiano 104-96, chiudendo la partita solo negli ultimi secondi, grazie a una sontuosa prestazione di Magagnoli (21 punti), ma pure agli altri sei compagni di squadra andati in doppia cifra. Non da meno i padroni di casa, a cui bisogna rendere onore per aver alzato il tasso qualitativo di un derby bellissimo.

 Cronaca

Coach Zappi sceglie Barattini, Masciarelli, Magagnoli, Chiappelli e Ohenhen nel quintetto iniziale.

Tanti colpi di scena già nella prima metà del primo quarto: dopo il primo canestro che manda avanti Ravenna, la rimonta della Virtus si fa sentire con le triple di Barattini e Magagnoli (due quelle di quest’ultimo) per un parziale di 11-0 che costringe coach Bernardi già a chiamare time-out dopo nemmeno 3 minuti. È una pausa che, però, serve ai padroni di casa, bravi a ribattere con un controparziale di 7-0, andando a ristabilire una parvenza di parità, nonostante il timone sia sempre tra le mani giallonere. Lo diventa completamente, almeno all’interno dei primi 10’, quando Aglio, Morina e Morara stabiliscono un buon +5 (23-18).

Vantaggio che gli atleti di coach Zappi mantengono, almeno fino ai tre punti di Dron e ai due di De Gregori, che riaprono la bagarre tra le due squadre (28-26): è il momento in cui capitan Aglio prende per mano i suoi, riassicurando cinque lunghezze di vantaggio con la tripla del 31-26. Replica, poco dopo, il terzo centro dalla lunga distanza di Magagnoli per il 36-30, quando viene richiamato in campo Aglio per gli straordinari per i tre falli personali a opera di Chiappelli (oltre che Alberti). A 4’ dalla fine entrambe le squadre sono con il bonus che pende sulla propria testa: Dron indovina la seconda tripla di serata (35-38), Valentini si conferma in forma – suoi gli ultimi cinque punti gialloneri – mentre Panzini spedisce i locali a -1 (38-39). Lo stesso numero 6 pareggia il confronto sul 43-43, Magagnoli risponde con la stessa moneta: è un punto a punto al quale mette un punto e virgola Barattini, che in contropiede fa sorridere i suoi con il massimo possesso. 

Paolin-Chiappelli-Bedetti: tre triple consecutive per il parziale di 55-55 e una seconda parte di gara che ricalcherà i primi 20’. La penetrazione di Chiappelli – con fallo – riporta ancora sul +3 (55-58) ma il batti&ribatti continua a favorire lo spettacolo, quando Paolin stabilisce il primo vantaggio di Ravenna dopo il 2-0 iniziale per il 60-59. A ogni possesso corrisponde un canestro per 4’, fino al time-out Ravenna quando il parziale è addirittura 65-70: 10/17 da tre per i padroni di casa, 11/15 la statistica degli ospiti, quando si fa fatica a capire dove iniziano i demeriti della difesa e dove finiscono quelli degli attacchi. Ravenna tocca la quota bonus, trascinata ai punti da Dron, Paolin e Bedetti (tutti in doppia cifra); rispondono Barattini e, soprattutto, Magagnoli (ben 19). Il quarto fallo personale, oltre al tecnico, di Paolin potrebbe stabilire un turning point in favore della Virtus: tutt’altro, Panzini indovina la quarta tripla e costringe coach Zappi a chiamare time-out sul 74-74. Per un nuovo, corposo (se così si può dire), vantaggio bisogna aspettare Alberti, bravo a capitalizzare il contropiede condotto da Morina per l’83-79.

Il finale è da cardiopalma: Ravenna ha ben sei giocatori in doppia cifra dopo 5’, stesso numero per la Virtus che vanta Magagnoli a quota 22 punti con ben 6/7 da tre. Quando sembrava che i ragazzi di coach Zappi potessero avvisarsi alla vittoria (81-87), la risposta dei padroni di casa è arrivata puntuale fino all’88-90. Ferrari segna la tripla del 94-96 a 3’30” dalla fine, Masciarelli fa 100 quando il risultato è “solo” da controllare. Il canestro di Barattini, che dopo aver colpito il ferro sembra metterci ore a gonfiare la retina, e l’errore di Ravenna nell’azione successiva chiude, finalmente, una gara esteticamente bellissima.

Prossimo appuntamento sabato 23 marzo 2024 in casa contro Lions Bisceglie.

 

TABELLINO

OraSì Ravenna-Virtus Nepharma Imola 96-104 (18-23; 49-52; 79-83)

 

OraSì Ravenna: Uljarevic 11, Galletti n.e., Lorenzo, Panzini 12, Ferrari 12, Paolin 13, Onojaife 4, Bedetti 10, Brunetto, Dron 21, De Gregori 13, Laghi n.e. Coach: Bernardi

 

Virtus Neupharma Imola: Masciarelli 13, Dalpozzo n.e., Aglio 13, Valentini 6, Morara 2, Magagnoli 21, Morina, Chiappelli 13, Alberti 11, Barattini 15, Ohenhen 10, Vannini n.e.. Coach: Zappi

 

Arbitri: Rezzoagli di Rapallo (GE) e Mamone di Novara
Note: 1Q 18-23; 2Q 31-29; 3Q 30-31; 4Q 17-21

Questa sera "Vitamina Effe" su Nettuno Bologna Uno
Neupharma espugna Ravenna in un derby al cardiopalma: Magagnoli trascina i suoi alla vittoria