foto Massimiliano Salvi
foto Massimiliano Salvi

Le parole di coach Matteo Mecacci alla vigilia della trasferta Agrigento-Cento, seconda giornata di Fase Salvezza: 

“Che cosa si teme di più di Agrigento? La stessa cosa che si teme delle partite di questa fase: tutte le squadre sono chiamate all'ultimo sforzo. Da quando è tornato Pilot, il record di Agrigento è di 3 vinte e 1 persa. 
Hanno recuperato Sperduto, che per loro è un giocatore molto importante, che a Cento non aveva giocato perché infortunato.
Agrigento, storicamente, è un campo in cui è difficile giocare, bisognerà giocare una pallacanestro molto solida, soprattutto a livello difensivo, altrimenti verremmo travolti dal loro contropiede e dal loro gioco in transizione. 
Approcciamo la trasferta come approcceremo le altre: lunedì abbiamo provato a recuperare fisicamente e imbastire qualche concetto, idea, per approcciare al meglio la partita. In questo periodo non si può fare di più, non si può lavorare troppo in palestra con il rischio di arrivare stanchi alla partita, soprattutto con trasferte così lunghe. Mitchell? Sicuramente ancora assente"

Questa sera "Vitamina Effe" su Nettuno Bologna Uno
Francesco Francia, vittoria contro CMP Global