Le pagelle

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA

 

Cordinier voto 4.5 – Serataccia, condizionato dai falli non riesce mai a incidere. E nel finale perde un pallone pesantissimo.

Lundberg voto 5.5 – Alti e bassi, molto positivo solo nel secondo quarto, poi sparisce dai radar della partita e perde qualche pallone di troppo.

Belinelli voto 6 – Tira tanto da tre, forse troppo (4/13). Ma è anche uno dei pochi a provarci in una serata in cui l’attacco bianconero fa una fatica clamorosa. 

Pajola voto 6 – Nemmeno male, nei minuti in cui è in campo. 4 assist e un paio di canestri. 

Dobric voto 5 – Undici minuti abbastanza impalpabili.

Mascolo voto NG – Tre minuti nel secondo quarto. 

Shengelia voto 7  - Nettamente il migliore. 20 punti, 10 rimbalzi e unico a riuscire ad andare in area con profitto. Peccato per due errori ai liberi nel finale, davvero pesanti. 

Hackett voto 4.5 – Serata totalmente no, con 0 punti e anche un airball.

Mickey voto 6.5 – Cresce durante la partita. Stoppate e punti che potevano essere preziosi nell’ultimo quarto.

Polonara voto 6 – La grinta non manca mai. Un canestro e fallo nell’ultimo quarto che poteva essere importante.

Dunston voto 5.5 – Qualche problema contro Faye, in generale meno incisivo del solito. 

La sala stampa

 

Le parole di Luca BanchiCongratulazioni agli avversari, hanno fatto una partita decisamente migliore della nostra, con maggiore coesione, combattività e umiltà. Mi assumo le responsabilità di una prestazione del genere in una gara di tale importanza. Avevamo il dovere di mostrare un volto diverso, davanti a proprietà, dirigenza e a tutti i tifosi Virtus. Non siamo stati capaci di ripagarli con una prestazione degna. Servivano determinazione e umiltà. Dilapidato il vantaggio in modo banale e superficiale, i nostri avversari hanno alimentato il loro entusiasmo. E poi la partita è diventata difficile da gestire. Prestazione decisamente al di sotto delle aspettative. Ci scusiamo, abbassiamo la testa e con grande umiltà cerchiamo di recuperare urgentemente quei valori che ci hanno portato fin qui. 

Siamo stati talvolta ingenui e superficiali. La mancanza di umiltà è la cosa che mi ha ferito di più.

Stanchezza europea? Abbiamo rotazioni ampie tali da poter supportarla, ammesso che esista. E in partite come queste ci devono essere energie nervose supplementari.

Le parole di Dimitris Pfitris – Una grande vittoria per noi, ho grande rispetto per la Virtus Bologna, perchè è una delle squadre più solide e che occupa una posizione di rilievo anche in Eurolega. Questo chiaramente dà ulteriore valore alla nostra vittoria. È importante per noi riprenderci dai momenti critici: abbiamo giocato partite fuori casa dove abbiamo subito dodici, tredici punti e concesso dei break; la cosa più difficile in quei momenti è non disunirci, non perdere il filo e questo dipende solo da noi e dalla nostra capacità di rimanere dentro la partita. Sono veramente orgoglioso del contributo che ci hanno dato i ragazzi in uscita dalla panchina, ci hanno dato una grande mano e posso dire che hanno fatto proprio la differenza. Questa è una competizione che riserva sorprese, non pensavamo di poter capitare dalla parte giusta del risultato, ma siamo contenti. Adesso la cosa più importante sarà saper gestire le emozioni, perché non è facile giocare tre partite in quattro giorni quando non sei abituato.

 

Oggi "Black And White" alle 19 su Nettuno Bologna Uno
Virtus Segafredo - UNAHOTELS Reggio Emilia, le formazioni