Il sito di Eurolega apre con un articolo di approfondimento intitolato “Un caso per la Final Four: Virtus Segafredo Bologna”, spiegando che la società non è mai stata così vicina all'atto conclusivo della competizione dal 2002 e dipingendola tra le candidate per andare a Berlino.

Si può dire con certezza che la Virtus Segafredo Bologna è più vicina alle Final Four di quanto lo sia mai stata dalla sua ultima apparizione nel 2002. Ecco perché ci sono buone probabilità di vedere la Virtus competere a Berlino a fine maggio.

Competitività garantita

La Virtus è stata molto competitiva contro le migliori squadre della competizione, soprattutto in casa, dove ha un record di 11-2. Le sue uniche sconfitte sono arrivate contro lo Zalgiris Kaunas nel turno 1 e contro l'AS Monaco nel turno 26. Nel frattempo, ha eliminato contendenti come Fenerbahce Beko Istanbul, FC Barcelona, ​​Maccabi Playtika Tel Aviv e Olympiacos Pireo. Essendo così forte in casa, la Virtus è rimasta nella parte alta della classifica per tutta la stagione. Solo quattro vittorie casalinghe sono arrivate con un margine a doppia cifra, il che significa che la Virtus ha dovuto lavorare duro fino alla sirena finale, come ha fatto contro Barça (80-75), Olympiacos (69-67), FC Bayern Monaco (85 -83) e Partizan Mozzart Bet Belgrado (88-84).

Stesso nucleo, mentalità diversa

La Virtus ha portato solo quattro nuovi giocatori durante la bassa stagione: Ognjen Dobric, DeVontae Cacok, Bryant Dunston e Achille Polonara. Solo Dunston è titolare, ma la squadra è passata dal record di 14-20 della scorsa stagione al 14-7 di quella attuale. Cosa è successo?

Grande merito va al tecnico Luca Banchi per il cambio di mentalità della sua squadra. Con giocatori come Iffe Lundberg, Isaia Cordinier e soprattutto Toko Shengelia, che prosperano in transizione, era fondamentale aumentare sia il ritmo di gioco che la circolazione della palla e l'offesa a metà campo con passaggio extra di Coach Banchi è stata la soluzione perfetta per la squadra. La scorsa stagione la Virtus ha segnato 78,0 punti di media, classificandosi ultima nei tentativi di field goal (57,5 a partita) e quarta negli assist (19,4 apg.).

Nonostante la partenza del genio del passaggio per primo Milos Teodosic, la Virtus ha visto la sua media di assist diminuire di uno  (18,8 assist), ma è migliorata in tutto il resto, con una media di 80,5 punti e 61,5 tentativi di field goal. Un ritmo più veloce e una mentalità più rilassata, che hanno consentito a Shengelia di avviare l'attacco della sua squadra senza cercare il playmaker, hanno sicuramente dato i loro frutti, trasformando la Virtus in una contendente alle Final Four.

belinelli shengelia

Ruoli ben definiti

Sulla scelta numero uno della Virtus non ci sono dubbi. Shengelia ha giocato alcune delle migliori partite della sua carriera. È leader della squadra nei rimbalzi (5,5 rimbalzi), nei falli subiti (5,4 a partita) e nel PIR (18,1) ed è secondo nei gol (14,5 ppg.) e negli assist (3,6 apg.). Seguendo l'innegabile leadership di Shengelia, Marco Belinelli e Daniel Hackett sono stati in grado di contribuire notte dopo notte. All'età di 37 anni, Belinelli guida la squadra nel punteggio (14,8 punti a persona) e ha più partite da oltre 20 punti (7) che partite con punteggio a una cifra (6). Hackett è stato il generale di sala della sua squadra e tutti gli altri partecipano alla rotazione della squadra, dai lunghi esperti Dunston e Jordan Mickey ai giocatori orientati alla squadra come Polonara, Dobric, Cordinier, Lundberg e Alessandro Pajola.

Acquisti solidi a metà stagione

Anche la Virtus si è distinta con i suoi acquisti di metà stagione. Quando la Virtus ha vinto l’EuroCup BKT 2021-22, ha ottenuto i veterani Shengelia e Hackett a tutto tondo che hanno dato alla squadra la competitività, l’esperienza e l’aggressività necessarie per arrivare fino in fondo nella competizione. In questa stagione, i recenti acquisti di Rihards Lomazs e Ante Zizic dovrebbero solo rendere la Virtus ancora migliore. Zizic è subentrato a Cacok, infortunato a fine stagione, e non è facile trovare un giocatore della sua efficacia, esperienza e talento così vicino alla scadenza.

Mister Banchi ha lavorato con Lomazs durante le qualificazioni ai Mondiali, nelle quali è stato capocannoniere della Lettonia. Lomazs è subito offensivo e Coach Banchi sa come tirarlo fuori al meglio. Fare i passi nella giusta direzione per essere più competitivi ha dato i suoi frutti alla Virtus in passato, e dovrebbe dare i suoi frutti anche nel 2024.

 

Oggi "Black And White" alle 19 su Nettuno Bologna Uno
Oggi Basket on ER alle 21.40 su Icaro TV (canale 18 DTT)