Simone Conti è un nuovo cestista dell’Olimpia Basket Castel San Pietro Terme!

 

Play/guardia, classe 2000, Conti vive a Castel San Pietro e che arriva da un’ottima stagione con la maglia degli Angels Santarcangelo in serie C. Al PalaSGR ha, infatti, chiuso una stagione stratosferica a livello personale, con ben 21,5 di punti segnati di media ogni gara e un season high a quota 33 punti, con il titolo di topscorer della formazione di coach Serra.

Le stagioni precedenti sono state per lui particolarmente fruttuose, con due campionati vinti consecutivamente: a ritroso, nel 2022/2023 con il Bologna Basket registrò 12 punti di media con un season high di 22 punti, per la promozione dalla C Gold alla neonata B Interregionale; in serie C Silver, nella stagione 2021/22, con il Guelfo Basket registrò una media di 22.2 punti a partita e un pazzesco season high di 40 punti che aiutò i gialloblu nel salto di categoria in serie C unica.

 

Dopo la trafila delle giovanili al Pontevecchio Bologna, la prima vera stagione da senior al Kleb Ferrara nel 2018/19 (con 5 presenze). Nel 2019/2020 approdò in Serie B a Cecina che abbandonò a metà anno raggiungere Livorno in C Silver, prima dell’interruzione dei campionati per la pandemia.

Nel 2020/2021 fu chiamato in Serie C Gold a Modena, ma la Società, poi, scelse di non iscriversi al campionato e finì, negli ultimi tre mesi, a Budrio, in serie D con 15,6 ppg e season high a quota 28.

 

L’Olimpia Castello, nella persona del General Manager Danilo Francesconi, ha fortemente voluto Conti per la prossima stagione, nonostante il problema (risolto) alla caviglia rimediato a fine campionato con gli Angels: “Arriva all’Olimpia Castello un castellano doc: Conti è un cestista dalle grandissime potenzialità dimostrate in tutte le stagioni in cui ha giocato ad alto livello. Sono sicuro che durante questa stagione mostrerà tutte le sue capacità realizzative e le doti che stavamo cercando”.

.

Tra le sue indiscutibili doti, la grande qualità tecnica sia nel palleggio che nel tiro. Gran visione di gioco e ottimo impatto anche nella “mattonella” da guardia.

Nella stagione 2024/25 sarà uno dei riferimenti per i giovani della squadra di coach Zappi, il classico uomo giusto nel posto giusto, al momento giusto. La sua carriera parla da sola e lo precede.

 

 

 

Simone Conti, benvenuto nella grande famiglia dell’Olimpia Castello!

“Grazie mille di cuore, sono davvero contento di entrare a far parte della famiglia Olimpia”.

 

Castellano doc, che sensazione proverai a vestire per la prima volta la maglia della squadra della tua Città?

“Certamente un po' d'emozione c'è e mi fa piacere che ci sia. Ricordo perfettamente quando ho cominciato da piccolo a prendere la palla in mano che ero proprio nel nostro palazzetto con mio papà, sono bellissimi ricordi!”

 

Arrivi sull’onda di una stagione meravigliosa a livello personale e realizzativo: cosa potrai dare alla squadra?

“Si, devo dire che l'anno passato a Santarcangelo personalmente sono riuscito a far bene e spero di continuare a farlo ora con la nostra squadra per raggiungere i nostri obiettivi”.

 

Dopo l’infortunio sei pronto e motivato a cominciare questa nuova esperienza?

“Certamente si, sto già lavorando duramente ogni giorno per cercare di essere pronto il prima possibile per condividere il campo coi compagni”.

 

Che tipo di giocatore ritieni di essere?

“Penso di poter aiutare la squadra in differenti modi, con un canestro, un assist o una difesa. Farò il necessario per poter vincere il più possibile e rendermi il più utile possibile alla squadra”.

 

I tuoi obiettivi stagionali?

“Ho avuto la fortuna negli ultimi 3 anni di vincere 2 campionati consecutivi e so quanto sia bello. Vorrei fare un campionato vincente, che significa raggiungere gli obiettivi di squadra che si porranno ad inizio stagione”.

 

Come hai sottolineato, oltre all’ultima stagione a Santarcangelo, le tue ultime annate a Bologna e Guelfo sono state particolarmente intense e vincenti. Quali sono i tuoi ricordi più belli di queste annate?

“Beh, il primo campionato vinto a Castelguelfo da assoluti “under dog” (eravamo seriamente indiziati alla  retrocessione) vinto in quel modo con mio papà allenatore è stata certamente la mia più grande emozione da giocatore e mi capita di ripensarci e mi vengono ancora i brividi. Con Bologna Basket la vittoria era più preventivata, ma sappiamo bene che vincere non è mai né scontato né semplice e, perciò, è stata una grande gioia e soddisfazione”.

 

Sarai uno dei principali punti di riferimento per i tanti giovani della squadra, un ruolo che non ti spaventa di certo? 

“Sinceramente non mi spaventa, ma mi responsabilizza. Cercherò di fare di tutto e di più, a cominciare, appunto, dall'esempio e dalla dedizione al lavoro quotidiano, che io sono sicuro sia l’unico mezzo per poter raggiungere obiettivi e poter migliorare sempre di più”.

 

Cosa prometti ai tuoi nuovi tifosi?

“Impegno, sudore, applicazione e tutto ciò che serve per provare a vincere!”

 

In ultimo, una domanda che non poteva mancare: in “Casa Conti” chi è il cestista più forte???

“Ovviamente io! No, dai, scherzo. Sicuramente parlando di carriera papà Augusto è stato il migliore avendo segnato 6 punti in Eurolega. Mio fratello Alberto, però, è reduce da una stagione ottima, io provo a difendermi. Sicuramente siamo giocatori diversi, forse io sono quello con un po’ più di estro tra i tre, però la cosa che ci accomuna sempre è la dedizione al lavoro e l’importanza che diamo a questo sport!”

Fortitudo, più vicina la conferma di Freeman
Campagna abbonamenti Virtus, da oggi la libera vendita