VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – OLYMPIACOS PIREO 69-67 (17-19, 28-40; 47-55) 

Impresa Virtus. Non ci sono altre parole per definirla. Dopo aver subito tantissimo nel primo tempo – soprattutto fisicamente – la Segafredo nel secondo tempo ha tirato fuori tutto il suo orgoglio, e ha rivoltato la partita come un calzino, riuscendo a reggere la superiore fisicità avversaria e rimontando il divario. Nell’ultimo quarto – trascinati da Dobric – i bianconeri sono arrivati a contatto, e le due giocate decisive le ha fatte ancora una volta Daniel Hackett: prima il canestro del sorpasso, poi la difesa decisiva su Walkup, prendendo sfondamento. Giù il cappello davvero. 

La cronaca

Dopo la partenza 0-6, la Virtus inizia a giocare con una tripla con fallo di Cordinier. I bianconeri però hanno notevoli problemi contro la fisicità avversaria, e finiscono sotto 4-12. La rimonta è affidata ancora a Cordinier (9 nel quarto), anche se Fall resta un rebus insolubile. Il primo quarto si chiude sul 17-19, con canestro e fallo di Lundberg sulla sirena. 

La Segafredo continua ad avere grossi problemi offensivi, e finisce sotto 17-27 grazie alle triple di Larentzakis e Brazdeikis. Sotto canestro Dunston ha le mani pienissime, e i bianconeri affondano a -13 (22-35). Belinelli ci prova con un gioco da tre punti, ma il finale di tempo è ancora greco: 28-41 a metà, tirando 5/25 da due.

Cordinier

 

Si riparte e le Vu Nere provano a riavvicinarsi con i primi acuti di Shengelia e Cacok. La difesa cresce, e si accende anche Belinelli con 5 punti consecutivi per il 42-48. Ora l’Olympiacos fa davvero fatica in attacco, e la Virtus rosicchia punto su punto. Non si va oltre il -4, però. Il terzo quarto si chiude con gli ospiti 47-55.

 

Ultimo quarto: la Segafredo fa il massimo sforzo per rientare. Dobric mette due canestri per il -4. La partita diventa tesa, ogni fischio viene contestato e Banchi prende anche tecnico per protesta. Dunston subisce fallo antisportivo – in attacco – da Milutinov, e Dobric firma il -2 (60-62) con la tripla. C’è anche la palla del pareggio, ma Abass la perde. Larentzakis mette una tripla pesante, ma in un attimo Shengelia e Hackett riportano i bianconeri a contatto. E arriva anche il sorpasso, ancora col caldissimo Dobric: 67-65. Il serbo però poco dopo fa fallo sul tiro da tre di Larentzakis, che ne segna solo 2 su 3. E così il finale è punto a punto. Dobric sbaglia dopo un brutto attacco, sbaglia anche Milutinov e poco dopo Cordinier. Non segna più nessuno, fino ad Hackett che firma il 69-67 a 40”, e poco dopo prende sfondamento da Walkup. Sono le due giocate decisive: Shengelia viene stoppato, e l’Olympiacos ha l’ultimo tiro. Ma Larentzakis sbaglia, e la Virtus trionfa. Finisce 69-67.

Il Tabellino

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – OLYMPIACOS PIREO 69-67 (17-19, 28-40; 47-55) 

BOLOGNA: Cordinier 13; Lundberg 5; Belinelli 12; Pajola 3; Smith NE; Dobric 10; Cacok 7; Shengelia 6; Hackett 8 ; Polonara 2; Dunston 3; Abass 3. All. Banchi

PIREO: Walkup 3; Williams-Goss 2; Canaan 6; Larentzakis 13; Fall 12; Papanikolaou 5; Brazdeikis 5; Peters 7; Petrusev 7; Milutinov 4; Sikma NE; McKissic 0. All. Bartzokas

 

Questa sera "Vitamina Effe" su Nettuno Bologna Uno
Aradori, "Ci siamo meritati questa classifica, siamo in ballo, continuiamo a ballare"