Per la Virtus è arrivato il momento della Coppa Italia. I bianconeri ne hanno vinte otto, ma l'ultima risale addirittura al 2002, con Manu Ginobili in campo, tra gli altri. E' un trofeo che manca da tantissimo tempo e la proprietà ci tiene parecchio, tanto che patron Massimo Zanetti domenica sera ha detto che il nostro obiettivo è la Coppa Italia, l'anno scorso ce la siamo mangiata.

L'anno scorso la Virtus arrivò in finale sul velluto ma poi perse inopitamente contro Brescia. Quest'anno - idealmente - l'incrocio con la lanciatissima Germani sarà in semifinale, e l'ipotetico scontro con Milano sarà solo in finale. Prima però ci sarà Reggio Emilia nei quarti, che sarà diversa da quella che ha battuto i bianconeri in campionato qualche settimana fa: la squadra del GM Coldebella infatti ha tagliato Kevin Hervey e ieri ha annunciato Tarik Black, che però a Torino non ci sarà.

Gestione delle energie

Alle Final Eight sorprese e upset non mancano mai. In ogni caso, per alzare la Coppa bisognerà vincere tre partite in quattro giorni, e quindi la gestione delle energie sarà pertanto fondamentale. I bianconeri non sono ancora al 100% della condizione - soprattutto in alcuni giocatori - e Banchi ha rimarcato questo concetto domenica sera, ma sono finalmente al completo, e quindi potranno ruotare otto stranieri per sei posti, dato che il pacchetto italiani è fisso con Hackett, Pajola, Belinelli, Mascolo, Abass e Polonara. In partite così ravvicinate questo potrebbe fare la differenza. 

Dove vederla

Si inizia giovedì alle 18, con il quarto di finale contro Reggio Emilia. La diretta sarà in simulcast su DAZN, Eurosport 1 e in chiaro su DMAX, oltre che su Nettuno Bologna Uno. 

Questa sera "Vitamina Effe" su Nettuno Bologna Uno
Aperta la vendita dei biglietti per Virtus - Valencia