Sui propri profili social, Pietro Aradori ha descritto la nascita di “Doggy Streetwear”, una linea di abbigliamento a lui collegata.

"Non ricordo quando durante i lunghi ritiri estivi in nazionale abbiamo iniziato a chiamarci a vicenda “cane” che poi per me è diventato prima “cagnaccio”, poi “dog” e alla fine “doggy”.Una parola che è diventata una mia caratteristica distintiva e il nome del mio bulldog francese."

Le t-shirt Doggy ("Azzannare con stile") sono in vendita sul sito.

Sono sempre stato appassionato della cultura di strada, dello streetwear (molto prima che salisse in passerella) quando era «solo» corrente di pensiero unita a un incessante desiderio di riscatto.
Negli anni ‘80 ’90 chi acquistava le T-shirt non le comprava perché facevano tendenza ma perché, indossandole, avrebbero rappresentato una storia,un’ideologia, uno stile di vita nel quale si identificavano e del quale si sentivano parte

“Salotto Bianconero”: la nuova puntata su Facebook e Youtube
Basket a Parigi 2024 - Cosa devi sapere