(Foto Valentino Orsini - Fortitudo Pallacanestro 103)
(Foto Valentino Orsini - Fortitudo Pallacanestro 103)

Alessandro Panni è stato sentito da Jacopo Cavallini per il Carlino Ferrara. Un estratto dell'intervista.

"L'amalgama tra la squadra e l'allenatore quest'anno è davvero importante, l'impronta che ha dato coach Caja è sotto gli occhi di tutti. In più c'è una grande unione tra la tifoseria e la nuova società, si respira aria nuova e l'entusiasmo è cresciuto parecchio. Ci sono tanti fattori che messi assieme fanno sì che questo inizio di stagione sia assolutamente da ricordare. Abbiamo due americani di livello, non che quelli dello scorso anno non lo fossero, ma forse non erano riusciti a rendere come gli si chiedeva. E poi Aradori e Fantinelli sono due giocatori completamente differenti rispetto a quelli dell'anno passato.
La difesa? Sicuramente, Caja parte da lì ed è molto esigente sia sul piano fisico che mentale. Dopo dieci giorni di preparazione sapevamo già tutte le regole della nostra difesa.
La Fossa? Ci sostenevano già l'anno scorso nonostante i risultati non arrivassero, figuriamoci ora che arriviamo da sette vittorie di fila. E l'avvento della nuova società ha portato più entusiasmo. Penso che anche con Cento il Paladozza sarà sold out"

“Salotto Bianconero”: la nuova puntata su Facebook e Youtube
EBW 2025 Qualifiers: Italia-Grecia 76-67. Capobianco: “Ottimo atteggiamento”