Ci sarà da fare luce sulla morte di Gilberto Sacrati. Da quanto riporta il Carlino Bologna, nell'ultima sera l'ex Patron Fortitudo non sarebbe stato in casa da solo, ma in compagnia di una donna - pur non potendo, agli arresti domiciliari, ricevere visite - e che nel monolocale, all'arrivo dei soccorsi, siano stati ritrovati bicchieri rotti e cornici distrutte. Come se ci fosse stata una lite. Tanto che, come riporta Repubblica, l'avvocato Gabriele Bordoni afferma che  per quanto ne so nel corso della notte era intervenuta un’ambulanza del 118 e al mattino successivo i carabinieri (probabilmente per un normale controllo). Ho chiesto alla Procura di ricostruire l’accaduto e di svolgere gli eventuali accertamenti sanitari.

Lo stesso Carlino riporta il ricordo di Davide Lamma, capitano ai tempi di Sacrati: Mi ha fatto dispiacere leggere la notizia. Sacrati ha fatto fallire la Effe, ma ha rovinato anche se stesso, rimettendoci tutto. È stato un personaggio che ha rappresentato un copione tragico per la Bologna biancoblu, e la stessa tragedia ha riservato a se stesso. Riposi in pace e di Claudio Sabatini, che cedette il Gira Ozzano allo stesso Sacrati: Sono dispiaciuto per la sua scomparsa perché era un personaggio atipico, di quelli che a me stanno molto simpatici. Posso anche dire che fu l’unico a pagare una rata del mutuo del PalaDozza.

Oggi "Virtussini siamo noi" su Radio Basket Italia
La Virtus femminile batte San Martino di Lupari: 78-48