Flats Service Fortitudo Bologna

Fantinelli – voto 7,5 – (8pti, 2/2, 3/5, 0/4) - Infernali fatiche per cercare di uscire da difese altrui che a volte nemmeno traduce. Poi, da buon capitano, capisce dove andare a cercar cose buone e le trova, eccome se le trova.

Bolpin – voto 7,5 – (8pti, 0/1, 1/1, 2/5) - Sbuca dal nulla di una partita stregata con l’esorcismo perfetto: due triple, sottomano, ed è tanta roba in una giornata dove non segnava praticamente nessuno. L’eroe della domenica.

Aradori – voto 5 – (9pti, 2/2, 2/4, 1/7) - Gli alzano gomiti e muscoli davanti, portandolo su binari che non gli appartengono. Crescono i falli, e dopo i due cesti iniziali dalla cucina non esce più nulla.

Ogden – voto 5 – (10pti, 4/6, 0/1, 2/7) - Una tripla nel finale non giustifica una prova dove criminoso è stato l’utilizzo di un corpaccione tenuto troppo lontano da dove forse sarebbe stato più produttivo.

Freeman – voto 6,5 – (13pti, 5/10, 4/7, -) – Sfarfalla a lungo, difficoltosamente uscendo dai lunghi rami altrui. Piano piano però capisce dove andare a cercar frutti.

Giuri – voto 5 – (0pti, -, -, 0/1) - Ancora lungi dal sapere che pesci pigliare. Eppure tempo per capire cosa ci sia in acqua ne avrebbe dovuto avere.

Panni – voto 5,5 – (3pti, -, -, 1/4) – Non è colpa sua se si trova in mano patate bollenti che nessuno vuole provar di pelare.

Conti – voto 6,5 – (6pti, 2/2, 2/2, 0/2) - Si sa quel che può dare e quel che non può dare. Ma merita l’applauso di chi cerca quasi di infilarsi negli altrui boxer pur di rendersi utile.

Sergio – voto 6,5 – (4pti, 2/2, 1/1, 0/2) – A volte serve più un buon manovale che un confuso architetto.

Morgillo – voto 7 – (6pti, 2/2, 2/2, -) – Non arretra di un centimetro, e non ci saranno ceselli michelangioleschi ma va bene lo stesso.

 

Real Sebastiani Rieti

Nobile – voto 5 – (0pti, -, 0/2, 0/3) - La mette sul fisico, poi quando servirebbe altro non ha altro da servire.

Johnson – voto 6,5 – (13pti, 6/6, 2/5, 1/4) – Picchia e si lascia picchiare, ma sparendo alla fine.

Piccin – voto 5,5 – (3pti, -, -, 1/3) – Sbiadito.

Petrovic – voto 6,5 – (10pti, -, 2/2, 2/5) – Sparisce piano piano pure lui.

Ancellotti – voto 6 – (5pti, -, 1/3, 1/2) – Deve fare reparto da solo. Quasi ci riesce.

Sanguinetti – voto 5,5 – (0pti, -, -, 0/2) – Si lascia impietosire dall’antica nutrice.

Spanghero – voto 6,5 – (13pti, 0/1, 2/4, 3/4) – Sfrutta quel che ha.

Sarto – voto 5 – (3pti, -, -, 1/5) – Non sfrutta quel che ha.

Italiano – voto 6 – (6pti, 2/3, 2/3, 0/2) – Eccellente prima, curiosamente va in tilt quando la partita diventa bagarre, quindi entrando nella sua ostrica.

Raucci – voto 6 – (5pti, 3/4, 1/1, 0/1) – Per un po’ fa davvero di tutto. Per un po’.

 

 

VERBA MANENT

CajaCi aspettavamo una partita difficile contro una squadra terza nell’altro girone e che usciva da un 3-0 nei quarti. Rieti ci ha creato difficoltà, alla fine forse ha pagato rotazioni corte e l’assenza di un giocatore importante: avversario da rispettare, e lo sapevamo. Noi non siamo stati al nostro livello difensivo nel primo tempo, abbiamo concesso troppo giro di palla, ma nel secondo tempo si è vista la differenza: 16 punti presi, ed è merito anche di chi dalla panchina ci ha dato una grande mano. Nel momento del recupero in campo c’erano Sergio e Morgillo, in altri momenti Panni e Conti, nei playoff serve il contributo di tutti e loro hanno dimostrato di essere ora pronti. Ma è il primo atto della serie, loro non si disuniscono mai, martedì ci aspetta un’altra battaglia e noi lo sappiamo. Dobbiamo essere migliori nella pulizia del gioco, troppe palle perse, questo il dato più che le nostre percentuali da tre punti, non posso cambiare la mano a chi sbaglia rigori. Nel secondo tempo siamo stati bravi a tenere Johnson fin dal primo palleggio, cosa che prima non era riuscita permettendogli di girare molto la palla per i compagni. 

Rossi Complimenti alla Fortitudo per la vittoria e ai nostri tifosi. Bravi loro ad aumentare l’aggressività difensiva portandoci ad un ultimo quarto di tanta fatica: dovremo cercare di imparare a gestire questa loro aggressività, cosa fatta bene prima e con troppa fretta dopo. Dobbiamo essere più precisi e puliti. Ora vedremo come usciremo da gara 1: abbiamo fatto sforzi sia noi che loro, siamo arrivati a +9 su questo campo, cosa non scontata, vedremo come assorbiremo la sconfitta per tornare qua martedì al meglio. E’ solo la prima partita.

Il video, grazie a Sportpress. 

Oggi "Virtussini siamo noi" su Radio Basket Italia
Playoff LBA, Milano in semifinale