Giampaolo Amato - in carcere da sette mesi con l'accusa di aver ucciso la moglie Isabella Linsalata, è stato raggiunto da un provvedimento cautelare in carcere anche per l'accusa di omicidio della suocera Giulia Tateo. Il provvedimento, richiesto dalla Procura di Bologna per l'oculista ed ex medico della Virtus, è stato emesso lunedì scorso dal GIP ed è stato notificato all'indagato alla Dozza. Secondo il Resto del Carlino, infatti le indagini avrebbero permesso "di raccogliere gravi indizi di colpevolezza anche per il decesso dell'anziana, avvenuto appena 22 giorni prima della figlia, cioè la notte tra l’8 e il 9 ottobre 2021. Nello specifico, nel corpo dell’87enne sono state ritrovate le stesse sostanze, una benzodiazepina e un anestetico ospedaliero, già rinvenute in precedenza nel corpo della moglie di Amato."

Oggi "Fossa on the Radio" su MadeinBO TV
Tornike Shengelia MVP di ottobre anche in LBA