foto Massimiliano Salvi
foto Massimiliano Salvi

Il coach della Sella Cento Matteo Mecacci ha presentato nella consueta conferenza stampa prepartita la sfida di domenica 3 marzo contro la Reale Mutua Torino in programma alle ore 18:00 al Pala Gianni Asti:

“È una partita difficile, Torino in casa ha perso fino ad adesso solamente contro Trapani e Cantù, contro Trapani tra l’altro praticamente sbagliando il tiro della possibile vittoria quindi è un campo oggettivamente difficile. Torino è una squadra che ha tenuto buona parte dell’ ossatura della squadra che l’anno scorso ha fatto la finale contro Pistoia, una squadra che ha dato filo da torcere durante le prime 22 partite a Cantù per raggiungere un posto alle Final Four di Coppa Italia. L’allenatore è lo stesso dell’anno scorso, quindi sono una squadra che ha un vissuto significativo e che sicuramente ha diversi punti di forza. Faranno a meno probabilmente di Cusin, un giocatore che ovviamente non è secondario nelle loro rotazioni però allo stesso modo hanno recuperato Pepe, un giocatore per loro imprescindibile. Vencato e Schina sono i loro due metronomi, gli americani sono due giocatori molto solidi, De Vico è un giocatore dal grande talento offensivo e Poser si sta confermando come uno dei migliori giovani lunghi italiani, quindi sicuramente ci aspetta un compito abbastanza proibitivo, alla luce delle nostre assenze ancora di più. Dobbiamo cercare di giocare una partita gagliarda in trasferta contro la terza forza del girone verde. In settimana la partita si è preparata male a causa dell’assenza di Mussini, la squadra ovviamente in questo modo non si allena ed è un problema che ormai ci portiamo dietro da tanto tempo. Non riusciamo sicuramente a replicare quella che è l’intensità della partita. Se c’è un giocatore che è stato costante più o meno come rendimento e come produzione offensiva dall’inizio dell’anno è proprio Musso, sia quando c’era la prima versione della squadra, quando c’è stata la seconda versione della squadra, quando c’è stata la terza e ora siamo alla quarta versione. Onestamente ci siamo anche un po’ scocciati tutte le volte di dover rimettere insieme i pezzi. Oltre alla preparazione e oltre al fatto di non allenarsi quindi verrà meno anche un giocatore che comunque sia è stato, e lo era tuttora, la nostra prima opzione offensiva.

 Torino è una squadra forte, punto. 

Hanno possibilità di andare in post basso con diversi giocatori, hanno giocatori che sanno segnare sulle uscite, hanno giocatori che sono in grado di creare dal pick n’ roll, hanno sicuramente dei lunghi pericolosi nel rollare. Noi dovremmo fare una partita a tutto tondo sapendo che è difficile riuscire a tenerli sotto un determinato range offensivo; ce lo auguriamo, l’optimum sarebbe quello di fargli fare meno di 70 punti ma non sarà sicuramente semplice, quindi dovremmo cercare di essere bravi nella lotta a rimbalzo. Dovremmo cercare di essere bravi a non regalare canestri semplici in taglio e a chiudere l’area e sperare che abbiano una giornata leggermente meno significativa da fuori rispetto al solito.

Questa sera "Vitamina Effe" su Nettuno Bologna Uno
Basketball Champions League ed Eurocup verso la fusione