Ph Fotoexpress/Pennacchio
Ph Fotoexpress/Pennacchio

Scaligera Basket è lieta di comunicare di aver prolungato il contratto di Coach Alessandro Ramagli fino al 30 giugno 2026, con opzione per la stagione 2026/27.

Alessandro Ramagli, nato a Livorno il 1° aprile 1964, inizia la sua carriera nella sua città natale dove lavora dal 1993 al 2000, anno in cui passa alla Pallacanestro Biella per diventare vice di Marco Crespi, con il quale riesce a portare la squadra piemontese in Serie A1. L’anno dopo diventa head coach a Biella dove resta fino al 2006 e riesce a raggiungere i play-off per due stagioni. Nel gennaio 2007 riceve la chiamata della Scavolini Pesaro ed ottiene un’altra promozione in Serie A1. Dopo una breve parentesi alla Benetton Treviso, viene ingaggiato prima dalla Trenkwalder Reggio Emilia nell’annata 2009/10 e successivamente da Teramo Basket, dove rimane fino alla scomparsa del Club. Dal 2012 al 2015 siede per la prima volta sulla panchina gialloblù della Tezenis Verona con cui ottiene la vittoria della Coppa Italia LNP. Nel 2015/16 firma con la Mens Sana Siena per poi accordarsi nel 2016/17 con la Virtus Bologna in Serie A2 con cui vince Campionato e Coppa Italia riportando i bianconeri in Serie A1. Al termine dell’annata nella massima serie con le V nere, il Coach livornese milita sulle panchine di Pistoia e Udine prima di tornare in gialloblù nel febbraio 2021. Al termine della stagione 2022 conquista la storica promozione in Serie A.

Coach Ramagli vanta in carriera quattro promozioni in Serie A1, due Coppe Italia LNP e due premi individuali di “Miglior allenatore” della Serie A2 nel 2015 e nel 2021, entrambi ottenuti con la Tezenis Verona. È inoltre l’allenatore con più presenze della storia del Club gialloblù con 247 panchine.

La dichiarazione di Coach Ramagli:

“Due sentimenti sono preponderanti dentro di me. Il primo è la gratitudine e l’orgoglio di essere parte di un progetto importante che sta iniziando. Ringrazio la Proprietà, nelle persone del Presidente Gianluigi Pedrollo e del Vicepresidente Giorgio Pedrollo, ed il nuovo Direttore Generale Salvatore Trainotti per avermi coinvolto; non era scontato che cambiando il front office si sarebbe scelta la continuità con la guida tecnica e di questo non posso che essere grato ed orgoglioso.

Il secondo sentimento che porto dentro di me è la responsabilità perché, nel momento in cui la Proprietà sceglie una direzione strategica nuova e differente rispetto al passato e ti coinvolge, il senso di responsabilità è inevitabile. Ho grande voglia di dare tutto il contributo possibile in questo nuovo corso, mantenendo sempre il rispetto dei ruoli nei propri ambiti di competenza.

Sappiamo che parte un nuovo ciclo, non solo dal punto di vista tecnico ma anche da quello strategico all’interno di un Club che io conosco molto bene. Tutto ciò non può che accrescere il mio senso di responsabilità e la mia voglia di dare un apporto importante in un’estate che sarà diversa dalle altre per mille motivi. Poi, quando si inizierà a parlare di squadra e inizieranno a rotolare i palloni in palestra, daremo il 100% in campo per gli obbiettivi che si prefiggeranno Club e Proprietà.

Sarà una stagione nuova e diversa, non solo per la Scaligera Basket ma per tutte le squadre che parteciperanno alla Serie A2. Dovremo essere bravi ad adeguarci e a farci trovare pronti per un inizio di stagione che sarà da subito a spron battuto.”

Ufficio Stampa Scaligera Basket Verona

Questa sera "Vitamina Effe" su Nettuno Bologna Uno
Eurolega, i 13 club azionisti prolungano il loro accordo per altri 15 anni