Goran Sasic, direttore esecutivo di EuroLeague Head Coaches Board (EHCB), durante un viaggio in Russia ha parlato del possibile ritorno delle squadre russe in Eurolega - ipotizzando il ritorno dopo uno stop di tre anni come fu per l'ex Yugoslavia negli anni ‘90 - e anche del futuro di Eurolega, definendosi favorevole all’espansione verso i paesi Arabi (Dubai) e molto meno a Londra e Parigi.

Un estratto delle sue parole, riportate da Basketnews

Pilastri del basket

Non ho mai capito perché l'EuroLeague cerchi di espandere la presenza di club provenienti da Francia, Germania e Regno Unito. Penso che dovremmo concentrarci sui pilastri del basket. Stella Rossa, Partizan, Valencia e Virtus meriterebbero più la licenza A rispetto ai club di questi tre paesi. Inoltre, meriterebbero più squadre provenienti da Lituania, Russia, Grecia e Turchia essere azionisti di EuroLeague, e una seconda squadra israeliana merita di essere azionista molto più di Francia, Germania o Gran Bretagna.

Scarsi ritorni televisivi

Sapete quanto ha incassato l’Eurolega da un contratto televisivo con la Germania in dieci anni? Zero euro. Siamo entrati nel mercato francese, ma lì la situazione era ancora peggiore. L'organizzazione stessa ha dovuto pagare un extra affinché la competizione fosse trasmessa dalla televisione francese. E parliamo di milioni di euro. D'altro canto ci sono contratti televisivi con Grecia, Israele o Turchia, dove i ricavi dell'organizzazione si aggirano intorno ai 10 milioni di euro per transazione. Pertanto, mi concentrerei sui paesi disposti a pagare molto per i contenuti, piuttosto che sulla Germania con reddito zero o sulla Francia, per la quale bisogna pagare anche un extra.
 

Questa sera "Vitamina Effe" su Nettuno Bologna Uno
Gameday: oggi pomeriggio Sella Cento - Fortitudo alle ore 18